Venerdi, 15 dicembre 2017 ore 07:17  feed rss
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
SPORT

Pallavolo. Coppa Calabria C maschile: Milani vittoriosa in volata

Dopo essere stati sotto per due set a zero, i gialloblù vincono al tie break. Rizzuto super (30 punti), ma servono rinforzi, in vista del campionato

Pallavolo-Coppa-Calabria-C-maschile-Milani-vittoriosa-in-volata
Lunedì 02 Ottobre 2017 - 15:49

New Tech Pallavolo Milani Rende – Provolley Crotone: 3-2 (20-25, 22-25, 25-15, 25-23, 16-14)

Milani: Fasanella (1), Ubriaco (8), Rizzuto (cap., 30), Froio (1), Abritta (10), Filice (7), Tarsitano (12), Ferrise (L), Totera, Cuconato. All.: Roberto Lionetti

Crotone: Celico S. (cap.), Leto (16), Calabretta (9), Longo (18), Pelaia (11), D’Alife (8), Falbo (L), Vrenna. A..: Salvatore Celico.

Arbitro: Serena Capillupo.

Note: Ace: Milani 4, Crotone 2. Err./batt.: Milani 8, Crotone 5. Muri: Milani 12, Crotone 10.

 

A giudicare da come si era messa la partita, con il Crotone meritatamente in vantaggio per due set a zero, probabilmente anche una sconfitta onorevole sarebbe stata accettata, in casa Milani Rende. E invece è arrivata una vittoria alla fine meritata, considerando che la squadra jonica, col passare dei minuti, ha restituito ai padroni di casa gli errori che a Fasanella e compagni erano costati cari nei primi due parziali. Ma andiamo con ordine.

La Milani scendeva in campo con Fasanella in regia, Ubriaco opposto, Gaetano Rizzuto e Froio come schiacciatori, Filice e Tarsitano centrali e Ferrise nel ruolo di libero. Crotone rispondeva con Salvatore Celico palleggiatore (nonché capitano, allenatore e “chioccia” storica dei giovani atleti che anno dopo anno si alternano al suo fianco), Leto opposto, Calabretta e Longo schiacciatori, Pelaia e Alessandro D’Alife al centro e Falbo come libero.

I primi due set sono stati molto simili tra loro: Milani che parte bene e Crotone che commette errori in attacco, anche se i padroni di casa, quasi per sdebitarsi, cominciavano a sbagliare nella parte finale dei due parziali. Nel primo, la Milani era avanti 14-11 e si è fatta raggiungere sul 16 pari, mentre nel secondo, dopo i promettenti 9-3 e 18-14, l’aggancio avveniva sul 22 pari.

Sul 16 pari del primo set, usciva Lorenzo Froio, apparso timoroso in questo esordio stagionale da titolare, ed entrava Abritta, che però non riusciva a cambiare la situazione. Nel Crotone, su tutti, ottima prestazione, , in questa fase, di Leto e del libero Falbo, oltre al già citato Celico.

Nel secondo parziale, con i rendesi schierati con la formazione iniziale, le cose sembravano andare ancora meglio, ma Longo e Pelaia erano quelli che tenevano in piedi la rimonta crotonese. In tutto questo, chi quasi sempre era costretto a cavare le castagne dal fuoco era Gaetano Rizzuto, tornato a giocare da ricettore dopo la parentesi cosentina come libero. Positivo in ricezione e difesa, come è ovvio che sia, si sobbarcava gran parte del peso dell’attacco, finendo per accusare stanchezza proprio nella parte finale del secondo set, che a un certo punto era diventato una specie di “uno contro sei”, con muro a tre su di lui da parte della Provolley. Centrali poco utilizzati, per una ricezione con alti e bassi, ma poi, con il passare del tempo, cresceva la ricezione e Fasanella poteva contare anche su di loro per variare il gioco.

Terzo set a senso unico, come reso evidente dai punteggi: 13-8, 16-12, 20-13. Il set si chiudeva sul 25-15 in 22 minuti.

Come prevedibile, ecco la reazione degli ospiti, che lottavano punto a punto nella prima fase (11-11), ed il piccolo break dei padroni di casa a metà set (17-15 e 23-21) non era sufficiente a domarli. Sul 23 pari, il pubblico in tribuna temeva un epilogo come nella prima parte della gara. Però il guizzo finale era di colore gialloblù: 25-23 per la Milani e si andava al tie break.

Milani avanti sul 4-2, ma Crotone reagiva (4-4 e 5-5), per arrivare al cambio campo sull’otto a sei a proprio favore e poi sul 12-10. Sembrava finita, ma Tarsitano e compagni piazzavano un parziale di 4-0, portandosi avanti. Ci pensava Leto, però, a riportare il Crotone sul 13 pari ed un errore di Rizzuto dava il match ball agli jonici: 14-13, costringendo al time out la Milani. Rizzuto riportava le cose in parità: 14-14 e time out per Crotone. Ora toccava a Tarsitano dare il primo match ball ai suoi: 15-14. Chiudeva la gara un ace di Rizzuto: visto tutto ciò che era successo, la gara non poteva che concludersi in questo modo.

Per la qualificazione, determinante sarà il match tra Montalto e Milani di giovedì 5 ottobre.

Sergio Lionetti




ULTIMISSIME