Quantcast

Francesco De Cicco propone un comitato dei quartieri e delle contrade

L'ex assessore spiega: Con il sindaco Occhiuto si è d’accordo sulla sua attività ma non per quanto riguarda la sua gestione politica

Più informazioni su


    Non è stato confermato assessore, seppure ha portato a Mario Occhiuto una discreta quantità di voti. Comunque sia, il primo cittadino gli ha dato la delega ai quartieri e alle infrastrutture. Di certo una nomina importante che tuttavia non ha soddisfatto in pieno Francesco De Cicco. “Con il sindaco Occhiuto si è d’accordo su tutto ciò che sta portando avanti a livello di opere. Ma c’è una distanza abissale per quanto riguarda la sua visione politica. Comunque sia, De Cicco e il suo movimento, Cosenza Libera vanno avanti. Anzi, in questi giorni si sta facendo promotore di un Comitato dei Quartieri e delle Contrade dell’intero tessuto urbano della città di Cosenza. La notizia arriva tramite un post pubblicato su Facebook dallo stesso De Cicco che ha scritto: “Il progetto scaturisce da una attenta analisi del territorio che riscontra delle necessità concrete di aggregazione e condivisione nei settori del sociale, inteso nella sua massima espressione. L ‘obiettivo di questo comitato è rendere responsabile la cittadinanza delle scelte amministrative e sociali che riguardano la comunità, al fine di farsi interpreti e promotori degli interessi dei cittadini di fronte alle Istituzioni e alla Pubblica Amministrazione. Il Comitato, non avendo scopi di lucro, è categorizzato come entità no profit, è apartitico e mantiene una sua propria autonomia. Il Comitato di quartiere è entità indipendente e non è in alcun modo riconducibile a collegi istituzionali.” E prosegue: “Il comitato sarà atto a raggruppare i quartieri cittadini in 8 zone considerando il territorio urbano e tutte le nostre amate contrade. Si impegnerà a: 1 )Rappresentare le esigenze dei rispettivi quartieri. 2) Migliorare le condizioni di vita del quartiere stimolando e favorendo la partecipazione dei cittadini alla vita del Comune. 3)Individuare e formulare proposte per la soluzione di problematiche del quartiere e dei suoi residenti. 4)Diffondere la solidarietà e lo spirito di aggregazione nella Comunità sensibilizzando le giovani generazioni. 5) Organizzare momenti di incontro e riunioni con le persone dei quartieri per discutere problemi comuni e raccogliere idee. 6)Dialogare con enti ed istituzioni per progetti e interventi di interesse dei quartieri in questione”. E conclude: “Ogni mese si terrà un Consiglio della Consulta con tutti i comitati di quartiere presso la circoscrizione di via Popilia. Sarà predisposto uno sportello di informazione, e sarà stilato un protocollo di intesa sia con Ecologia oggi che con i Vigili Urbani. Sarà un impegno serio e costante che potrà solo fare il bene della collettività tutta”.

    Astolfo Perrongelli

    Più informazioni su