Quantcast

In fiamme una pizzeria ad Amantea

Aveva già subito un incendio doloso nel gennaio scorso (Foto)  

Più informazioni su


    Ancora un incendio alla pizzeria “Da Maurizio”, che già il 17 gennaio scorso era andata quasi completamente distrutta a causa di un incendio di verosimile matrice dolosa. Anche in questo caso pare che l’incendio non sia riconducibile a causa incidentali. Le fiamme si sarebbero sviluppate intorno alle 5 di stamattina. L’ipotesi è che con il favore delle tenebre qualcuno abbia appiccato fuoco, probabilmente attraverso l’utilizzo di liquido infiammabile, ad una delle parete in legno del locale, che è posizionato sul lungomare cittadino. Sebbene si tratti di materiale ignifugo le fiamme hanno avvolto sia la parete che alcuni elettrodomestici interni al locale. I danni non sono gravissimi ma consistenti. Le fiamme sono state domate da li a poco dai Vigili del Fuoco del distaccamento di Paola, che hanno anche effettuato i rilievi tecnici per stabilire con certezza la causa dell’incendio. E proprio la loro relazione sarà di ausilio ai carabinieri della locale stazione, guidati dal maresciallo Tommaso Cerza, per indirizzare le indagini, avviate immediatamente, verso una pista privilegiata. L’evento, proprio per il precedente incendio del gennaio scorso, fa assumere all’intera vicenda connotati di particolare interesse investigativo, anche se gli inquirenti non scartano la possibilità che i due incendi abbiano matrici diverse. La cittadina tirrenica, purtroppo, non è nuova al verificarsi di incendi dolosi. Solo nel 2015 sono stati ben sette gli episodi, in prevalenza a danno di autovetture, che hanno avuto per denominatore comune l’utilizzo doloso del liquido infiammabile. In un caso, il 29 gennaio 2015, l’incendio ha interessato uno dei due capannoni in cui, da settimane, decine di giovani lavoravano nella costruzione dei carri allegorici, nell’imminenza del Carnevale di Amantea. Ad essere presa di mira, il successivo 18 febbraio, è stata persino l’auto di un’appartenente al corpo della Polizia Municipale.

    Rino Muoio

    Più informazioni su