Quantcast

Lavoratoti ex Lsu-Lpu, garantito il terzo anno di contratto

Approvato dalla commissione Bilancio della Camera un emendamento voluto dai parlamentari Pd

Più informazioni su


    Una notizia positiva per i lavoratori ex Lsu.Lpu. Infatti la commissione bilancio della Camera ha approvato un emendamento che consente la spesa per il terzo anno di contrattualizzazione a tempo determinato. A darne notizia sono stati i parlamentari del Pd, Enza Bruno Bossio, Ferdinando Aiello, Sebastiano Barbanti, Bruno Censore, Stefania Covello e Nicodemo Oliverio. Gli esponenti piddini spiegano che “per il terzo anno consecutivo, dunque, i lavoratori potranno contare sulla prosecuzione del loro rapporto di lavoro con gli enti utilizzatori all’interno di un percorso iniziato nel dicembre 2013 per iniziativa dei deputati calabresi del Pd.Oggi possiamo dire che abbiamo compiuto una parte importante della strada che dobbiamo ancora percorrere”. E aggiungono: “Vogliamo ringraziare il governo Renzi che, quest’anno, non solo ha messo in bilancio le somme necessarie ma ha dimostrato concretamente di avere compreso il senso stesso della iniziativa che come parlamentari calabresi abbiamo condotto in questi anni.Vogliamo ringraziare il presidente Oliverio che fin dal primo giorno della sua elezione nel 2014, ha avuto, in questa battaglia, un ruolo determinante e decisivo.E grazie anche all’assessore Roccisano e alla sua struttura che ha collaborato nella definizione dell’emendamento e nella gestione quotidiana delle relazioni con gli enti territoriali”. Enza Bruno Bossio e company concludono: “Molto lavoro resta ancora da fare ma una parte importante del percorso avviato nel 2013 è stata compiuta. Adesso sarà necessario avviare il processo di definitiva stabilizzazione che deve vedere, sin da ora, un’efficace concertazione tra istituzioni, organizzazioni sindacali, enti utilizzatori, Regione Calabria e Governo nazionale. Proseguiamo sulla strada, indicata dal presidente Oliverio, di una regione del Sud che non chiede soldi per assistenza ma si batte per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori.Con buona pace di chi, perseguendo slogan populisti, continua a rappresentare la nostra terra solo come luogo di degrado ed emarginazione, oggi abbiamo scritto una bella pagina di orgoglio e responsabilità”.

    Astolfo Perrongelli

    Più informazioni su