Quantcast

2500 libri per i detenuti della casa circondariale di Cosenza

Venerdì inaugurazione biblioteca grazie al progetto Liberi di Leggere

Più informazioni su


    Venerdì 10 marzo, alle 10.30, all’Istituto penitenziario “Sergio Cosmai” di Cosenza, si svolgerà l’inaugurazione della biblioteca della casa circondariale realizzata dall’associazione di volontariato penitenziario LiberaMente nell’ambito del progetto Liberi di Leggere, promosso in partnership con la casa circondariale, MorEqual, la libreria Ubik di Cosenza e il Centro socio culturale Pier Giorgio Frassati di Paola e con il contribuito della Parrocchia Santa Maria Madre della Chiesa Onlus. Il progetto, finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali nell’ambito del bando Direttiva 266/91, prevedeva la gestione della biblioteca all’interno del carcere, la realizzazione di reading, incontri con gli autori e laboratori di scrittura creativa ed il coinvolgimento della cittadinanza tramite la possibilità di lasciare un “libro sospeso” per i detenuti. La biblioteca ospita 2500 volumi, alcuni dei quali donati dalle biblioteche di Lamezia Terme e dal Lions Club di Amantea, altri offerti dai clienti di diverse librerie di Cosenza, Rende e Paola.“Il nostro obiettivo – ha affermato il presidente dell’associazione, Francesco Cosentini – era quello di sostenere percorsi di inclusione e reinserimento sociale dei detenuti attraverso la lettura. Attraverso il progetto abbiamo potenziato la biblioteca acquistando nuovi arredi e libri”. All’inaugurazione parteciperanno il vescovo della Diocesi di Cosenza – Bisignano, Francesco Nolè, il direttore della casa circondariale, Filiberto Benvenuto, il magistrato di sorveglianza, Paola Lucente, il parroco della Parrocchia Santa Maria Madre della Chiesa, don Franco Bonofiglio, il presidente di LiberaMente, Francesco Cosentini, il direttore del CSV Cosenza, Mariacarla Coscarella, i referenti del Lions Club Amantea, i dirigenti degli istituti scolastici che promuovono corsi per i detenuti in carcere e i volontari dell’associazione.

    Più informazioni su