Quantcast

Rapporto sul turismo 2017. La provincia di Cosenza al primo posto in Calabria come presenza turistica

La nostra regione al 15mo posto in Italia 

Più informazioni su


    E’ stato pubblicato dal Centro Studi Touring il Rapporto sul turismo 2017, nell’ambito del progetto UniCredit4Tourism. Secondo il rapporto l’Italia rimane una delle mete più desiderate nell’immaginario collettivo di tanti stranieri e ciò ha una ricaduta economica considerevole.

    Nonostante questo, però, non rappresenta al momento un fattore di sviluppo per il territorio nazionale nella sua interezza.

    Purtroppo, le regioni del Centro-Nord e quelle del Sud procedono ancora a doppia velocità: una realtà paradossale visto che gli attrattori più conosciuti all’estero – aspetti climatici, paesaggio, patrimonio storico-artistico ed enogastronomico – sono un quadro efficace del Meridione.

    Su un flusso annuale di circa 393 milioni di presenze che si registrano nel Paese, solo il 19% ha come destinazione una regione del Sud, quota che diminuisce al 14% se si considera in particolare il turismo estero.

    Il Meridione, tutto insieme, attrae appena 5 miliardi, sostanzialmente quanto fa da solo il Veneto.

    Complessivamente sulla base delle presenze turistiche (che nel 2015 sono state oltre 8,1 milioni) la Calabria si è classificata al 15mo posto in Italia.

     

    Se si considera l’offerta ricettiva, nel 2015 la Calabria si è attestata al 17° posto in Italia per numero di esercizi turistici (2.931) e al 13° posto per numero di letti totali (187.764).

    Per quanto riguarda invece la distribuzione percentuale delle presenze turistiche nelle province calabresi risulta in testa Cosenza con il 34,8% del dato complessivo regionale e, a seguire, vi sono Vibo Valentia (27,1%), Catanzaro (17,1%), Crotone (12,6%) e Reggio Calabria (8,4%).

    Interessanti possono essere i dati dei principali mercati esteri di provenienza che per la Calabria nell’anno 2015 è la Germania.

    Il mercato tedesco è l’elemento che unisce la maggior parte delle regioni: In 14 casi la Germania (28,3%) seguiti da Francia (9,1%) e Repubblica Ceca (5,9%).

     

     

    foto Francesco Greco

    Più informazioni su