Quantcast

Frammenti di vita

LA RIFLESSIONE. Una donna che spinge un uomo in carrozzina. In un gesto normale, attimi d'infinita tenerezza

Più informazioni su


    La tenerezza, passeggia. Sul corso principale. Ci sono istantanee di vita che, diventano subito notizia. Ci sono emozioni e spaccati di esistenza che diventano diapositive. Da conservare, da immortalare, da custodire. Da cui prendere spunto per imparare. A cui ispirarsi, per diventare migliori, per riscoprirsi pieni di umanità. Passeggiando per la città, capita, spesso, di “inciampare” in sguardi, sorrisi, gesti che diventano attimi infiniti di bellezza, capaci di inondarti di vita. Uno di questi attimi, stamattina, passeggiava sull’isola pedonale, quella lunga lingua d’asfalto che dal “portone” di corso Mazzini, conduce fino all’ingresso principale di piazza Bilotti. Non era solo un attimo di bellezza, è diventato anche un istante di meraviglia, un inno d’amore, un canto di affetto. Quest’attimo racconta di una donna, dalla provenienza sconosciuta, dall’età incerta e da chissà quale storia alle spalle, che, nonostante affetta da una gobba, abbastanza pronunciata che le squilibra la postura, reclinandola in avanti, spinge una sedia a rotelle. Con su un uomo che, sulle gambe, ferme chissà da quanto e chissà per cosa, porta una voluminosa spesa. La coppia, passeggia e sorride, quasi a voler sfidare, pubblicamente, quella propria condizione di inabilità, di diversità. Di questa coppia, colpisce, soprattutto, l’intensa complicità degli sguardi che, quest’uomo e questa donna, si scambiano nei momenti di riposo. Quell’attimo di riposo, quella ricerca necessaria di pausa, diventa anche l’occasioni per ricaricarsi. Con uno sguardo, con una carezza, con gesti che profumano di tenerezza. Chissà dov’è iniziato il loro viaggio, chissà qual è e dov’è la meta finale del loro cammino. Ma, qualunque sia la loro destinazione, una cosa è certa. Quest’uomo e questa donna hanno indicato a tutti, anche ai più distratti, anche ai più indifferenti, anche ai più insensibili, che ogni strada, ogni via, così come ogni sentiero della vita, è sempre pieno di attimi infiniti di bellezza e momenti emozionanti di tenerezza. Ricordiamolo, sempre.

    Carmine Calabrese

    Più informazioni su