Quantcast

Peperoncino Festival, un’occasione per parlare (e non solo) di agricoltura

Non solo spettacolo, arte e gastronomia.

Più informazioni su


    Nell’ambito della XXV^ edizione del Peperoncino Festival di Diamante sono in programma eventi “full immersion”, che vanno dal cinema erotico ai talk show, dal socio-politico al “patto di amicizia” tra la città dei murales e Camaiore, dalla satira all’incontro tra le due “Diamante” (l’altra è in Argentina, di qui anche la presenza di Belen Rodriguez quale madrina, pur tra tante polemiche per i compensi che le saranno elargiti), dal cabaret alla poesia. Ma, trattandosi di una kermesse legata a un prodotto della terra, il peperoncino, in un ampio comprensorio (da Tortora a Sangineto) caratterizzato anche dalla coltivazione di un’altra eccellenza calabrese, il cedro, ci sono due convegni meritevoli di attenzione, sia per gli argomenti trattati che per la qualità dei relatori. Venerdì 8 settembre, alle 20, sul Lungomare, curato dall’emittente Radio Azzurra, il tema sarà “Regimi di qualità e organizzazione delle filiere: due assi di sviluppo per l’agricoltura calabrese” e interverranno Camillo Nola, presidente di AssoLaC, Demetrio Stancati per il Consorzio Terre di Cosenza, Giuseppe Laria per il Consorzio Cipolla di Tropea, Enzo Monaco, presidente dell’Accademia Italiana del peperoncino, Sandro Scrivano per il Consorzio Patata della Sila e Franco Laratta, membro del CDA dell’ISMEA, ente economico pubblico che si occupa dell’agricoltura italiana, sostenendo e finanziando i progetti di sviluppo delle aziende del settore agroalimentare. Nella serata successiva, alle 21, sempre sul Lungomare, si parlerà ancora di agricoltura, il tema “Agricoltura, turismo, innovazione”, con Giuseppe Castiglione, Nino De Lorenzo, Franco Laratta, Giuseppe Naccarato e Pietro Serra. Prevista anche la presenza di Stefania Covello e Nicodemo Oliverio. Contemporaneamente, in Piazzetta San Biagio, Legambiente e CONAI diffonderanno la cultura del riciclo nell’ambito di questa manifestazione che si occupa di eccellenze della natura, che non può non essere salvaguardata. Non mancherà, infine, il dibattito scientifico-gastronomico, domenica 10, alle 22 in Piazzetta San Biagio, avente per tema “Peperoncino e salute”, al quale interverranno Michele Gallucci dell’Università di Roma, Giovanni Bisignani, primario di Cardiologia dell’Ospedale di Castrovillari, Francesco Nicoletti dell’Ateneo di Catania, con Bruno Amantea dell’Università della Magna Graecia di Catanzaro a fungere da moderatore. Al termine, le premiazioni di rito, tra le quali quella per la migliore tesi di laurea al neolaureato Giovanni Russo di Caivano (“Formulazione di capsule contenenti Capsicum annuum”), a Osvaldo Bevilacqua (conduttore del programma Rai “Sereno Variabile”) e alla giornalista del Tgr Calabria Maria Elena Scandaliato. Il premio più ambito è quello da assegnare al campione italiano di mangiatori di peperoncino piccante, ma anche il pubblico che ha acquistato il biglietto della Lotteria ne riceverà uno, una Alfa Romeo Giulietta.

    Letterio Licordari

    Più informazioni su