Quantcast

Buon primo giorno di scuola!

Ragazzi, fate che la scuola sia lo strumento per diventare uomini. Questo l'augurio che vi formuliamo noi di Cosenzainforma.it

Più informazioni su


    Drin, drin, drin. Suona la campanella per ricominciare ad emozionarsi, a divertirsi, ad imparare. A fare le scelte giuste, a dare le risposte esatte, a riscoprire se stessi e tutto quello che avete dentro. Si, cari alunni. Oggi è la vostra giornata, la vostra festa, il vostro momento. Dimostrate di avere tanta fame di sapere e tanta sete di conoscenza. Non dovete solo studiare, dovete imparare a scoprire e riscoprire la bellezza della meraviglia, dovete imparare ad ammirare la scintilla dello stupore. Che sia per un capitolo di storia, per un teorema di matematica, per una poesia di Carducci, per un capolavoro di Cezanne, per una perifrastica attiva o passiva, per un algoritmo di trigonometria o per una divertente formula chimica, non importa. Quello che importa è che voi, alunni delle superiori, entrando a scuola, vi divertiate. Il sapere, la cultura, la conoscenza, non sono nemiche dell’allegria. Anzi, il sapere, la cultura e la conoscenza, sommate all’allegria vi permetteranno di raggiungere risultati straordinari. Voi, siete straordinari. Siete cervelli eccellenti, siete valori aggiunti, siete la parte migliore della società. Dimostrate a voi stessi, ai vostri insegnanti, alle vostre famiglie che siete “contenitori” di vita reale e non “custodie” di account virtuali. Fatevi brillare gli occhi. E, se c’è qualcosa che non capite, non abbiate paura di alzare la mano. Alzatela più spesso, rispondete presente all’appello e ricordatevi, sempre, che anche in una poesia c’è meraviglia. Vivete la scuola, non come una “punizione” ad ore ma, come l’occasione giusta per diventare grandi, per diventare maturi, per diventare migliori. Per sentirvi brillanti. E, voi, scolari delle medie e delle elementari imparate a giocare con i numeri, rincorreteli e metteteli in colonna, moltiplicandoli per quattro o frazionandoli per due. Giocate con letture, divertitemi con i temi, raccontate la vostra estate, le vostre gite, i vostri amici. Colorate le pagine dei libri, strappate le pagine dei quaderni e fateci aeroplani di carta, irrobustiteli con le parole e lanciateli in aria. Sarà bellissimo vederli volare. Decollate anche voi, decollate con la vostra fantasia, utilizzate tutta la vostra immaginazione. E, anche quelli che vanno all’asilo hanno il diritto di divertirsi. Fatelo con i colori, fatelo con i gessi e fatelo sulle lavagne. Giocate con le costruzioni e divertitevi con la plastilina. E, non per ultimo, cari educatori e care insegnanti, portate anche voi tutta la vostra meraviglia nelle classi. Ubriacate i vostri alunni, facendogli sorseggiare il siero dello stupore. Fategli capire che siete non solo i loro professori, ma siete i loro amici, le loro famiglie, le loro guide e i loro maestri. Non solo di cultura, ma di vita. Crescerete insieme e, sarà bellissimo.

    Più informazioni su