Quantcast

Medaglia americana per il generale ‘cosentino’

Consegnato a Baghdad l’importante riconoscimento a Francesco Maria Ceravolo che comandò il Primo Reggimento Bersaglieri

Più informazioni su


    Un importante riconoscimento per l’Italia che ha anche il sapore della  Calabria e della nostra città. Nei giorni scorsi, infatti, presso il Quartier Generale del Combined Joint Force Land Component Command per l’Operazione Inherent Resolve (CJFLCC-OIR) di Baghdad, il CJFLCC Commanding General, Major General Robert Whyte, ha insignito il Generale di Brigata Francesco Maria Ceravolo della US Legion of Merit. L’alto ufficiale italiano ha portato in alto il nome della sua terra natia e della città nella quale ha vissuto e operato in qualità di comandane del Primo Reggimento Bersaglieri di Cosenza. Si tratta di una ricompensa prestigiosissima, di alto valore perché incarna tutto il lavoro portato avanti dai soldati italiani impiegati nei teatri operativi esteri. Firmata dal Segretario USA per la Difesa, James Mattis, è una delle più importanti decorazioni statunitensi ed è stata consegnata all’atto del  commiato del Generale Ceravolo dal Quartier Generale che lo ha visto ricoprire per dieci mesi l’incarico di Deputy Commanding General for Training, con responsabilità diretta sull’intera attività addestrativa offerta alle Forze di Sicurezza irachene dagli addestratori militari della Coalizione. L’Italia prende parte alla Coalizione multinazionale (che attualmente annovera oltre 60 Paesi e tre Organizzazioni internazionali partecipanti) contro lo Stato Islamico in Iraq e Siria (ISIS), fornendo attività di training alle Forze Armate e di polizia curdo-irachene nelle aree di Erbil e Baghdad nonché di supporto alla Coalizione con informazioni derivanti da ricognizioni aeree e supporto logistico di rifornimento in volo attraverso la Task Force Air Kuwait. Nella fase iniziale dell’impegno, l’Italia ha inoltre fornito assistenza alla popolazione consegnando beni di prima necessità ai civili in fuga dai territori precedentemente occupati dal Daesh. Un pezzo di quella bella Calabria che si distingue sempre anche a livello internazionale.

    Francesca Cannataro

     

    Più informazioni su