Quantcast

Il Cosenza Calcio ricevuto a Palazzo dei Bruzi

Il sindaco ha voluto ringraziare la squadra per la promozione in B


Dopo l’abbraccio collettivo di domenica sera, con la squadra vincente di ritorno da Pescara festosamente in ‘tour’ per tutti i quartieri della città sul bus scoperto e poi con l’apoteosi conclusiva del grande ritrovo nello stadio “San Vito-Gigi Marulla”, questa mattina la società con in testa il presidente Eugenio Guarascio, mister Braglia, lo staff tecnico, lo staff organizzativo e naturalmente una delegazione di dieci calciatori della rosa che ha riconquistato la serie B, sono stati ricevuti dal sindaco Mario Occhiuto e da alcuni esponenti della sua Giunta a palazzo dei Bruzi, casa dei cosentini.

Accanto al primo cittadino, il suo vice Jole Santelli e l’assessore allo Sport Carmine Vizza. Nell’introdurre l’incontro la portavoce del sindaco Iole Perito, da tifosa ed anche ex ufficio stampa della squadra, ha posto l’accento sull’importanza della ‘storia’ del Cosenza Calcio e della città. E nella storia c’è ovviamente l’avvocato Giuseppe Carratelli che trent’anni fa portò il Cosenza in B. Un momento istituzionale doveroso, reso solenne dalla presenza nel salone di rappresentanza dell’avvocato Peppino Carratelli, già sindaco di Cosenza e presidente del Cosenza calcio 1914 nella storica promozione in serie B nella stagione 1987-’88.

Il sindaco Occhiuto ha tenuto a legare le emozioni delle due memorabili cavalcate vincenti nella serie cadetta (quella dell’88, appunto, e quella di oggi), lungo il filo del trentennale che segna due appuntamenti indimenticabili anche sul piano della partecipazione popolare. Pertanto ha invitato alla cerimonia di questa mattina l’avvocato Carratelli, visibilmente emozionato, a cui ha fatto dono di una targa come riconoscimento verso la storia che è la storia della città e dev’essere mantenuta viva. Per l’avvocato pure una maglia personalizzata numero 30 da parte del Cosenza Calcio, a sottolineare l’unione temporale delle date 1988 e 2018. Quindi l’omaggio agli attuali protagonisti.

“Per noi è un grande onore avervi qui – commenta il sindaco Mario Occhiuto. Siamo grati per questo successo perché avete dato alla nostra città una gioia grandissima. Non è solo un traguardo calcistico ma molto di più. Non è solo una promozione in Serie B – continua Occhiuto – ma accanto ad un progetto di questo tipo c’è un progetto di coesione sociale. Abbiamo voluto questo incontro per testimoniarvi tutta la nostra gratitudine: da mister Braglia che non perderò mai l’occasione di ringraziare, al direttore sportivo Trinchera. grazie di cuore anche al capitano Corsi e a tutta la squadra che è stata una grande famiglia.

Grazie anche al presidente – conclude Occhiuto – che è stato per tutti come un capofamiglia che ha tenuto tutto insieme in questi anni difficili e travagliati”.

Grazie Ragazzi! una grande soddisfazione per tutti noi – commenta il vicesindaco Jole Santelli – avete regalato un sogno a Cosenza ma soprattutto avete dato l’esempio che cuore, impegno e passione rende tutto possibile! Forza Lupi, forza Cosenza!

m.m.

 

 

Foto di Francesco Greco