Quantcast

Rovito ricorda Attilio ed Emilio Bandiera

A Venezia si è conclusa la terza iniziativa del progetto artistico-culturale promosso dalla Pro Loco presilana

Più informazioni su

     

    Con la deposizione di una corona di fiori sulla tomba dei fratelli Bandiera presso la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo a Venezia, si è conclusa la terza iniziativa del progetto artistico-culturale in memoria dei due patrioti italiani, ideato e promosso dalla Pro Loco di Rovito con l’obiettivo di richiamare alla memoria, per trasmetterlo alle nuove generazioni, la partecipazione attiva dei calabresi, della presila cosentina e di Rovito, in particolare, alla causa dell’unità nazionale. Dopo la prima rassegna sul Risorgimento, svoltasi a febbraio scorso con il contributo dell’Istituto Comprensivo “Tommaso Cornelio”, e dopo la proiezione del docufilm “Il canto dei Patrioti” del prof Giovanni Sole a cui è seguita la brillante ed emozionante esibizione delle scuole di danza del territorio presso il Teatro comunale di Rovito, la pro loco ha organizzato il viaggio a Venezia nei giorni 27/28 e 29 Luglio scorsi, a cui hanno aderito numerosi cittadini, ed a cui ha partecipato il vicesindaco di Rovito, Luigi Maringolo, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale. Proprio il vicesindaco Maringolo, insieme alla presidente della Pro Loco di Rovito, Carla Pecora, ha deposto la corona di fiori ai piedi del monumento funebre di Attilio ed Emilio Bandiera. “Plaudo all’iniziativa che sta portando avanti la Pro Loco perché sta dando lustro all’intera comunità rovitese – ha affermato il vicesindaco Luigi Maringolo – Si tratta, infatti, di un progetto culturale di altissimo livello volto a valorizzare il ruolo simbolico che il nostro territorio ha svolto nella storia del Risorgimento italiano, che sta raccogliendo consensi unanimi anche e soprattutto al di fuori degli angusti confini comunali. Per questo motivo ribadisco, anche a nome dell’Amministrazione Comunale che rappresento, vicinanza e sostegno alla Pro Loco di Rovito”. Al viaggio a Venezia ha partecipato anche una delegazione degli ospiti dello Sprar di Rovito composta da Hussain Sayed Dianat, Hussain Munir e Shilla Harun che sono rimasti entusiasti dell’esperienza vissuta. Con loro ed insieme a loro si è vissuto un momento di autentica e reale integrazione. “Il nostro progetto culturale – ha affermato la presidente della Pro Loco, Carla Pecora – si è arricchito molto con la presenza dei ragazzi dello Sprar gestito dalla cooperativa sociale Onlus Strade di Casa, che si ringrazia per la sensibilità e la disponibilità manifestata nei confronti del nostro progetto. Dianat, Munir ed Harun, hanno mostrato una straordinaria volontà di apprendere la nostra cultura e le nostre tradizioni, partecipando attivamente ad ogni tappa del viaggio. Non solo, uno di loro, ha commosso tutti acquistando a Murano, con i propri risparmi, una penna in vetro per regalarla ad un bambino rovitese con il quale ha legato particolarmente”. La Presidente ha, quindi, ringraziato quanti hanno contribuito al successo dell’iniziativa, a cominciare dall’agenzia di viaggio Doraemon di Cosenza che ha proposto costi accessibili ed ha saputo soddisfare ogni esigenza del gruppo. “Un ringraziamento – ha proseguito la presidente della pro Loco – anche ai fratelli Fiorita “MeleCelico”, che hanno donato la corona di fiori. Al vicesindaco di Rovito, Luigi Maringolo, infine, rivolgo a nome di tutto il direttivo Pro Loco sentimenti di profonda gratitudine per aver compreso la portata culturale del nostro progetto e per accompagnarlo con determinazione in tutte le sue manifestazioni”. “Adesso – ha concluso Carla Pecora –la Pro Loco tutta è proiettata ad organizzare la quarta iniziativa del progetto “Rovito ricorda Attilio ed Emilio Bendiera” prevista per il prossimo 23 settembre con il I° corteo storico “Chi per la patria more”, che presenteremo alla stampa nell’ambito di un’apposita conferenza”.

    Francesco Ciacco

     

    Più informazioni su