Quantcast

PSC. “Il nuovo Piano scongiura le speculazioni edilizie, l’assessore regionale all’Urbanistica non assecondi ritardi per i loschi interessi di alcuni consiglieri”

Il sindaco di Cosenza replica al consigliere Carlo Guccione

Più informazioni su


    COSENZA – “Il Comune di Cosenza finalmente dopo decenni, grazie alla mia Amministrazione, ha messo mano allo sviluppo urbanistico della città redigendo un nuovo Piano Strutturale Comunale per salvaguardare il territorio da ulteriori speculazioni edilizie che hanno caratterizzato gli anni passati. Anni in cui ad esempio il Centro storico è stato abbandonato e lasciato al degrado, prevedendo milioni e milioni di metri cubi di nuove costruzioni nella parte nuova della città, fra l’altro realizzate senza alcuna qualità architettonica”. Lo afferma il sindaco Mario Occhiuto replicando alle ultime dichiarazioni del consigliere comunale di opposizione Carlo Guccione. “Il nuovo PSC redatto dal Comune – aggiunge il primo cittadino – è incentrato su criteri di sostenibilità ambientale e prevede il contrasto al consumo del territorio con riduzione consistente dei volumi previsti dal piano vigente. Inoltre, il nuovo Piano strutturale in approvazione è uno strumento di rigenerazione urbana e di riqualificazione e recupero del Centro storico, con la previsione di molti incentivi nella città vecchia. Anche in questo caso, come per altri progetti, la Regione Calabria ha boicottato l’approvazione del Piano ritardando di moltissimo le procedure con danni enormi per il territorio. Evidentemente dietro tale boicottaggio si nascondono interessi che spingono sulla speculazione edilizia e fondiaria. Pertanto, mi rivolgo direttamente all’assessore regionale all’Urbanistica Franco Rossi, augurandomi che non si presti a certi loschi interessi, sponsorizzati da consiglieri forse legati a quegli stessi interessi, e che non intenda quindi ritardare ulteriormente le procedure per l’approvazione del nuovo PSC di Cosenza”.

    Più informazioni su