Quantcast

Le monete complementari? Nuove ricchezze per i cittadini

Convegno domani presso la sede del Coni organizzato dall’associazione “Smart Cosenza”

Più informazioni su


    L’associazione “Smart Cosenza” organizza per domani 25 novembre alle 17, presso la sala della sede del Coni di Cosenza, un confronto sul tema delle monete locali complementari, strumento di scambio moderno e sostenibile. In un comunicato si legge che “nel mondo sono oltre 5 mila gli esperimenti di monete locali, ed in Europa il fenomeno sta diventando virale. Con la crisi del debito pubblico, che ingessa sempre più le economie locali, i bilanci degli enti e delle famiglie, le nuove monete possono infondere nuova linfa all’economia. Alla base di ogni moneta c’è la creazione di una comunità che ne riconosce il valore”. La nota spiega che “questi circuiti monetari alternativi non generano interessi ma rimettono in moto gli scambi e si affiancano alla moneta legale, non sostituendola completamente. La comunità dell’area urbana cosentina è ormai matura per raccogliere e valorizzare gli studi e le esperienze maturate all’Unical anche delle nuove applicazioni Blockchainbased. L’associazione “Smart Cosenza”, mira a promuovere un percorso condiviso per la creazione degli “Alaricoins” quale nuovo strumento di scambio “glo-cale”. All’iniziativa partecipano Loredana Pastore, assessore alle Attività Produttive Comune di Cosenza, Giovanni Passali (esperto di monete locali e di crypto monete, consulente di Onix Technology e autore del libro, insieme a Nino Galloni, “Eurocidio: il genocidio dei popoli europei tramite la moneta unica”, Fernando Scarpelli (avvocato Adusbef), Gianfranco D’Atri, professore Unical – responsabile del progetto UcalUnical Coin, Padre Fedele Bisceglia, assessore al Contrasto alla Povertà del Comune di Cosenza, Lino Di Nardo, commercialista e consigliere comunale.

    Più informazioni su