Quantcast

Stefania Craxi in visita a palazzo dei Bruzi

Sono state donate al comune 12 litografie appartenenti al padre Bettino. Il Comune aderisce alla mobilitazione in favore della Tunisia 

Più informazioni su


    Il presidente onorario della Fondazione Craxi e già sottosegretario agli Esteri, Stefania Craxi, si è recata in visita questa mattina a palazzo dei Bruzi. A riceverla, assente per impegni fuori città il sindaco Mario Occhiuto, è stata il vicesindaco Jole Santelli, insieme all’assessore Loredana Pastore e al presidente del Consiglio comunale Pierluigi Caputo. Stefania Craxi ha donato al comune di Cosenza una serie di 12 litografie, con altrettante vedute della Tunisia, che l’onorevole Bettino Craxi collezionava durante la sua permanenza ad Hammamet, visitando i mercatini di quei luoghi. “Craxi – ha sottolineato la figlia Stefania – aveva in Tunisia il problema di inventarsi la giornata, visto che gli mancava il suo lavoro. Si era improvvisato un po’ artista concettuale, sceglieva le immagini e poi le faceva riprodurre. Una volta trovò, sempre in un mercatino, quattro lastre dei fratelli Lumière. La Tunisia – ha detto ancora Stefania Craxi durante il suo incontro a palazzo dei Bruzi – è un Paese che ha garantito la libertà a mio padre, un popolo che è stato vicino a lui e alla nostra famiglia in un momento molto difficile della nostra vita.” Anche per queste ragioni Stefania Craxi si è fatta promotrice, insieme alla Fondazione Craxi e al Cercle Kheireddine, di un appello per una mobilitazione internazionale a favore della Tunisia e a sostegno della transizione democratica. Un appello che in Francia è stato già sottoscritto da una cinquantina di personalità, per lo più economisti, e che anche in Italia sta trovando un seguito, con altre 50 firme autorevoli.

    Più informazioni su