Domani a ‘Confluenze musicali’ il dj set dei Planet Funk

Alle 22 si balla con la musica elettronica e la dance internazionale

Più informazioni su


    Grande festa musicale domani, giovedì 6 luglio, alle ore 22, alla Confluenza dei Fiumi, per un appuntamento molto atteso dai più giovani frequentatori di “Confluenze-Festival delle Invasioni”. Si tratta del dj set dei Planet Funk che, nati nel 1999, da oltre 10 anni rappresentano una delle realtà più importanti del panorama della musica elettronica e dance internazionale, grazie alla distintiva natura di “collettivo” e ai successi ottenuti in questi anni.

    Il gruppo nasce dalla fusione tra la vecchia formazione dei tre produttori di Souled Out! (Alessandro Sommella, Domenico “GG” Canu e Sergio Della Monica) e i Kamasutra, ovvero Marco Baroni e Alex Neri. I Souled Out! si costituiscono nei primi anni ‘90 per portare il loro soul sulla scena dance italiana: dopo la hit ‘Shine On’ giunge l’album di debutto, prima uscita internazionale della Sony Music italiana. Nella seconda metà degli anni ‘90 creano l’etichetta Bustn’ Loose, producendo successi quali ‘No Access’ di Hondy e la trascinante ‘Looking For Love’, hit crossover di Karen Ramirez. ‘Planet Funk’ è il titolo di un brano realizzato da Alex Neri. DJ dalla tenera età di tredici anni, lo spezzino-fiorentino Neri incontra Marco Baroni, eclettico tastierista, e insieme creano uno studio che sforna mix e remix d’enorme appeal. Alex e Marco perfezionano il loro stile funky house durante gli anni ‘90 con molti dischi firmati dai Kamasutra, tra i quali ‘Where Is The Love’ e ‘Happiness’, con la vocalist Jocelyn Brown. Alex incontra GG dei Souled Out!, durante la Winter Music Conference a Miami nel 1999 e da questo incontro nasce Planet Funk, collettivo musicale eclettico, incentrato su quattro membri principali. Il primo risultato è ‘Chase The Sun’ con la vocalist lappone Auli Kokko. Altro elemento vocale fondamentale è il cantante e chitarrista britannico Dan Black, che invia un demo alla Bustn’ Loose che convince immediatamente la band: i risultati conseguiti con ‘Inside All The People’, ‘Who Said’ e ‘The Switch’ spiegano perché. ‘Chase The Sun’ esce senza alcuna promozione ma conquista alcuni dei DJ più importanti della scena ibizenca — Pete Tong, Danny Tenaglia, Deep Dish, Harvey e Adam Freeland. Tutti ne parlano, scatenando una vera e propria battaglia di offerte per accaparrarsi il disco. «È stata una reazione pura», raccontano i PlanetFunk, «Solo musica, niente marketing». David Boyd della Virgin la spunta su tutti: condivide le ambizioni del collettivo firmando l’album di debutto per tutto il mondo.

    Con l’uscita, nel 2002, di ‘Non Zero Sumness’, il gruppo raggiunge il successo, coronato dagli Italian Music Awards e dal Disco d’Oro. La versione ‘Non Zero Sumness Plus One’, conterrà anche Where Is the Max, realizzato in collaborazione con i Simple Minds. Sono l’unica band italiana, oltre alla gloriosa PFM, invitata dalla BBC di Londra ad esibirsi, con una performance live in diretta su Radio One negli prestigiosi studi di Abbey Road. Nel 2005 esce l’album ‘The Illogical Consequence’, preceduto, dal singolo ‘Stop Me’, colonna sonora dello spot tv della Coca Cola. Il terzo album, ‘Static’, esce, invece, nel 2006, e il brano omonimo viene scelto per il noto video gioco Fifa 2008. Nel 2009 Universal Music pubblica una raccolta dal titolo Planet Funk, contenente il singolo ‘Lemonade’, ritorno al sound misto di elettronica e rock che ha dato successo e fama al gruppo. ‘The Great Shake’, pubblicato il 20 settembre 2011 per Universal Music, segna il ritorno sulle scene dei PlanetFunk a 5 anni dall’ultimo lavoro di inediti.

    L’album è preceduto dal singolo ‘Another Sunrise’, che in poche settimane diventa uno dei tormentoni dell’estate 2011. Quest’album è un nuovo punto di partenza per Sergio Della Monica, Domenico “GG” Canu, Marco Baroni e Alex Neri: alla band si aggiunge la voce del carismatico cantante Alex Uhlmann. Anche il tormentone dell’inverno successivo è targato Planet Funk: il singolo ‘These Boots Are Made For Walkin’, colonna sonora del film ‘La Kryptonite nella borsa’ del regista Ivan Cotroneo, viene scelto da una nota azienda di telefonia come colonna sonora della serie degli spot con protagonisti Aldo Giovanni e Giacomo. E la RAI sceglie These Boots Are Made For Walkin’ come soundtrack dello spot degli Europei di Calcio Euro 2012. A Marzo 2012 esce The Great Shake +2 (Universal Music), che alla tracklist originale aggiunge proprio ‘These Boots Are Made for Walkin’ e una nuova versione di Ora il Mondo è Perfetto, con la partecipazione straordinaria di Giuliano Sangiorgi, voce dei Negramaro, il primo brano in italiano nella storia dei Planet Funk. Negli ultimi due anni i Planet Funk si sono dedicati, tra Roma, Firenze e Londra, alla lavorazione del nuovo album, il quinto della formazione, che vede la riconferma di Alex Uhlmann come frontman del collettivo.

    Più informazioni su