Giovedi, 15 novembre 2018 ore 22:38  feed rss
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
INPROVINCIA

Scacchi, Calabria fucina di talenti

A Scalea 921 giovani per partecipare al Campionato Giovanile under 16

Scacchi-Calabria-fucina-di-talenti
Mercoledì 11 Luglio 2018 - 12:24

Giocare a scacchi presuppone grande capacità di concentrazione, di analisi, di intuito e di memorizzazione. Chi gioca a scacchi non può non acquisire una forma mentis utilissima in ogni frangente della propria vita. E’ anche questo l’obbiettivo che la Federazione Scacchistica Italiana si pone incentivando i giovani, soprattutto, alla pratica di questa disciplina. E ben 921 giovani con età massima di 16 anni, provenienti da tutte le regioni d’Italia, per una settimana intera si sono incontrati a Scalea per partecipare al Campionato Giovanile di Scacchi Under 16, che in questa edizione ha fatto registrare un record di partecipanti ed i cui risultati sono stati considerati ottimi, facendo ben sperare per i colori italiani alla prossima edizione del Campionato Mondiale di categoria, al quale hanno avuto accesso i ragazzi che si sono distinti nella competizione appena terminata, durata dal 1° all’8 luglio (nella foto alcuni tra i partecipanti calabresi). Ognuno di questi 921 ragazzi spera, un giorno, di poter disputare “la mamma di tutte le partite”, quella epica disputata nel 1972 a più riprese e in più sedi tra il russo (allora rappresentante dell’URSS) Boris Spassky e lo statunitense Bobby Fischer. Per la cronaca, vinse quest’ultimo, a questi ragazzi auguriamo successo ma oggi sono da considerarsi tutti vincitori per il fatto stesso di essere attratti o indirizzati verso questo gioco. Un gioco che in Calabria e nella Locride in particolare, soprattutto per merito di Delia Mercuri, di Caulonia, ha molti praticanti. E dalla locride proviene anche Guido Licordari (che è di Palizzi, ma vive in Piemonte, dove ha insegnato per decenni, e che ha ricoperto anche importanti incarichi a livello nazionale. Sia la Mercuri che Licordari sono convinti che va posta pienamente in essere la Dichiarazione n. 50/2011 dell’Unione Europea sull’introduzione del programma “Scacchi a scuola”, tenendo conto che il gioco è accessibile ai ragazzi di ogni ceto sociale, può contribuire al conseguimento dell’integrazione, alla lotta contro la discriminazione e alla riduzione del tasso di criminalità e di dipendenze diverse. Inoltre, giocare a scacchi può sviluppare il senso della creatività e le capacità decisionali, in perfetta armonia con i principi della lealtà sportiva. Nella settimana trascorsa a Scalea, peraltro, i ragazzi e gli accompagnatori hanno potuto ammirare, nella cornice del Palazzo dei Principi Spinelli, una mostra dal titolo "Il gioco degli scacchi…citazioni d'artista".

Letterio Licordari




ULTIMISSIME
Rende, trovato amianto in scuola materna
Mercoledì 14 Novembre 2018