Domenica, 21 luglio 2019 ore 02:08  feed rss
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Catanzaroinforma.it
CRONACA

Cantieri in città, Occhiuto: “Se gli impegni non verranno rispettati, interromperemo il contratto con la Regione”

Il sindaco si scusa con i cittadini per i disagi

Cantieri-in-citt-Occhiuto-Se-gli-impegni-non-verranno-rispettati-interromperemo-il-contratto-con-la-Regione
Domenica 09 Dicembre 2018 - 16:30

“Dobbiamo scusarci e spiegare”. Così il sindaco Mario Occhiuto si è rivolto oggi direttamente ai cittadini, dalla sua pagina social. “La presenza di cantieri sulle strade – ha precisato - provoca sempre disagi ai cittadini. La città è come una grande casa collettiva e, ognuno di noi, sa bene cosa voglia dire avere dei lavori in corso nella propria casa. Per questo motivo voglio scusarmi con i cittadini e con quanti si recano quotidianamente a Cosenza. Si registrano cantieri aperti con lavori in corso e ci sono disagi e disservizi. Ma una città che si trasforma e si rinnova è una città che cresce e che crea ricchezza per il futuro e maggiori opportunità per i nostri figli. Il cantiere della Metro di superficie, in particolare, non riguarda lavori che sono di competenza comunale. La Regione è l’Ente che ha promosso e progettato l’opera in passato e che ha appaltato e affidato recentemente i lavori all’impresa esecutrice. Tutti i partiti politici sono sempre stati d’accordo sulla realizzazione di questa opera. Compresi i sindaci dell’epoca, Sandro Principe e Giacomo Mancini, che furono addirittura tra i promotori. L’unica voce critica negli ultimi anni è stata la mia, a cui solo successivamente si sono aggiunte quelle di vari comitati e movimenti. Le criticità a cui ho sempre fatto riferimento – ricorda Mario Occhiuto - erano riferite alla sostenibilità ambientale ed economica dell’opera progettata, non certo all’utilità e alla necessità di dotare la città unica (Cosenza Rende Unical) di un unico sistema di trasporto pubblico urbano. Grazie al nostro interessamento e alle nostre proposte, il progetto è stato migliorato dalla Regione, anzi direi stravolto rispetto a quegli elementi di criticità presenti. Adesso al posto di una grande arteria divisiva della città con due strade veicolari e due linee su ferro, avremo un solo tracciato inerbito senza barriere e senza cavi e un grande Parco lineare di verde attrezzato. Insieme alla riqualificazione della linea ferroviaria esistente su via Popilia. Inoltre, abbiamo inserito il finanziamento per la costruzione della strada veicolare alternativa su via Reggio Calabria e di tante altre opere vantaggiose per la città. Per quanto riguarda la sostenibilità economica c’è da dire che la gestione del trasporto pubblico locale è finanziata in massima parte dal fondo regionale e nazionale sul trasporto pubblico, così come avviene già oggi per Ferrovie della Calabria, Amaco e Consorzio Autolinee. E che la presenza di un campus universitario come l’Unical, con più di trentamila tra studenti e docenti, giustifica ulteriormente l’investimento della Comunità Europea. Il trasporto pubblico è considerato un servizio essenziale per le comunità e necessita di risorse pubbliche anche per la gestione, non può essere garantito solo con i ricavi di esercizio. Si deduce quindi che l’opera è necessaria, e così come modificata grazie alle nostre richieste farà diventare l’area urbana molto più attrattiva e innovativa. Cosenza, grazie a questa e altre opere in corso, sono sicuro che diventerà una delle città più apprezzate e visitate d’Italia. Resta però il fatto – prosegue Occhiuto - che il Comune di Cosenza, così come quello di Rende, ha dato l’autorizzazione ad eseguire i lavori sottoscrivendo con la Regione un accordo quadro sulla mobilità che prevede precisi impegni (da parte della stessa Regione) sulle modalità finanziarie e di esecuzione delle opere anche in relazione ai tempi previsti. Se questi impegni non saranno mantenuti e se non vedremo nelle prossime settimane all’interno del cantiere un consistente impiego di mezzi e persone, saremo costretti (come al solito) a prendere i provvedimenti del caso e a risolvere il contratto con la Regione. In tal caso sarà cura del prossimo presidente della Regione portare a compimento un’opera che, così come ora concepita, ha una utilità strategica per il territorio dando la possibilità a tutti di esercitare il diritto a muoversi liberamente nella città unica e agli studenti di vivere l’area urbana. Avvicina due centri culturali: l’Unical e il centro storico di Cosenza, creando nuove opportunità di crescita e sviluppo sostenibile. Crea un grande polmone verde nel centro della città contemporanea, con giardini tematici e campi di strada. La città della mobilità sostenibile e del benessere – conclude - La città straordinaria. La città del futuro è alla nostra portata”. Dalla pubblicazione del post, sono seguiti tantissimi commenti e, come spesso accade, il sindaco ha tenuto il confronto con i cittadini/utenti rispondendo anche ai loro dubbi come ad esempio se l’attuale chiusura di viale Mancini sia dovuta alla realizzazione del tram o del parco del benessere: “Il progetto del tram di superficie – ha specificato allora Occhiuto - comprende il Parco. Il primo stralcio esecutivo presentato dall’impresa riguarda proprio quest’opera ma, intanto, i progettisti hanno già consegnato anche il resto del progetto esecutivo. Purtroppo in Italia l’iter di esecuzione di un’opera pubblica è sempre condizionato da tanti fattori interni ed esterni. L’importante è seguire con attenzione tutte le fasi di esecuzione in modo da risolvere i problemi appena si presentano”.




ULTIMISSIME