Mercoledi, 22 maggio 2019 ore 13:32  feed rss
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Catanzaroinforma.it
SPORT

Volley C maschile. Montalto squadra del giorno: Cinquefrondi primo ko

La squadra cosentina, in grande giornata, riesce a battere i reggini, finora unica squadra imbattuta. Corigliano terzo, a pari punti con Diamante

Volley-C-maschile-Montalto-squadra-del-giorno-Cinquefrondi-primo-ko
Mercoledì 13 Marzo 2019 - 8:0

D’accordo, probabilmente non cambierà nulla: il Cinquefrondi arriverà al primo posto e Montalto non arriverà ai play-off, ma la “zampata” di Barile e compagni resterà nella piccola-grande storia del campionato 2018-19 della serie C maschile calabrese. Nelle venti gare precedenti, solo tre volte la squadra allenata da Giacomo Tomasello si era trovata in una situazione di rischio: alla nona giornata, a Belvedere, alla sedicesima, sul proprio campo (contro il Bisignano) e poi alla diciannovesima, in casa della Milani. Tutte le volte, però, era riuscita a raddrizzare la situazione e vincere al tie break. Nelle due ultime occasioni, però, c’era già un alibi tutt’altro che pretestuoso, visto che mancava l’apporto di uno dei suoi giocatori più importanti, Claudio Cimino.

La squadra non è in testa alla classifica per caso: il gruppo è solido, consapevole della propria forza e ben diretto dalla panchina. Ci voleva un bel “sassolino”, per mettere in crisi un ingranaggio così ben rodato. Stavolta, il sassolino si chiama Polisportiva Montalto (nella foto), una squadra che doveva recitare un ruolo di primo piano in chiave, se non di promozione, almeno dei play-off. Invece sapete com’è andata: il gruppo ha dovuto cambiare alcuni tasselli importanti ed assorbire i nuovi. Il rodaggio è stato più lungo del previsto, ma già in Coppa Calabria avevamo visto una squadra che, con tutti i titolari in campo, era in grado di giocarsela alla pari con chiunque, gara per gara. Per quelle combinazioni che lo sport sa dare, tutto è girato nel verso giusto proprio contro la squadra leader della stagione, costringendola alla resa dopo quattro set, con l’ultimo, lunghissimo, finito sul punteggio di 32-30, per la gioia dei sostenitori sulla tribuna del palasport di via Popilia, a Cosenza, diventato ormai il campo “di casa”.

La classifica, però, continua a dire che Cinquefrondi è sempre primo, a cinque gare dalla fine della regular season, con quattro punti sul Belvedere, che in questa ventunesima giornata ha pacificamente battuto il Paola, penultimo in classifica.

Al terzo posto, adesso, c’è una coppia a pari punti (47), formata da Corigliano e Diamante, con la squadra jonica ufficialmente terza per numero di vittorie (17 contro 16). Il Corigliano ha vinto una specie di spareggio con il Bisignano: era virtualmente in palio il titolo di “quarto incomodo” per le posizioni di testa accanto alle tre che hanno meritatamente guidato la classifica fin dall’inizio. Una vittoria della squadra di Sant’Umile avrebbe forse riaperto i giochi per una volata finale per il quarto posto (con il Montalto infilato nella bagarre), ma i ragazzi di Alfonso Bosco non solo hanno battuto una squadra che ultimamente sta giocando molto bene, ma ha pure agguantato il Diamante. Se c’è riuscito, deve anche ringraziare il fatto che Perrone e compagni non sono andati oltre il 3-2 contro un Cetraro combattivo come non si leggeva da tempo.

Alla vigilia del big-match tra Belvedere e Cinquefrondi, il campionato non poteva essere più vivo e brillante di così.

A cosa potrebbe portare, tutto ciò? Dopo tante settimane in cui sembrava un destino ineluttabile che le semifinali dei play-off avrebbero visto Diamante e Belvedere in uno scontro fratricida e Cinquefrondi contro una quarta ancora da scoprire (con Corigliano favorito), adesso si aprono possibili scenari nuovi. Cosa sarà “meno peggio” per Diamante e Corigliano? Trovarsi di fronte la squadra reggina oppure quella di Roberto Cesareo, allenatore a tutti gli effetti del forte gruppo di Belvedere?

Comunque vada, per gli appassionati si preannuncia un bellissimo finale di stagione.

Sergio Lionetti




ULTIMISSIME