Mercoledi, 22 gennaio 2020 ore 22:34  feed rss
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
Cosenzainforma.it
SPORT

Volley C femminile. Cosenza, vittoria tranquilla

Senza le due centrali titolari, le ragazze rossoblù impiegano un’ora a piegare la resistenza delle reggine. Con De Luca e Luciani, sempre determinanti, brillano Mazzuca (5 ace) e il libero D’Agostino

Volley-C-femminile-Cosenza-vittoria-tranquilla
Sabato 28 Dicembre 2019 - 11:18

VOLLEY COSENZA ASD – VISTUS STELLA D’ORO CONI 1962: 3-0 (25-13, 25-12, 25-17)

VOLLEY COSENZA ASD – VISTUS STELLA D’ORO CONI 1962: 3-0 (25-13, 25-12, 25-17)

Cosenza: C. Di Lieto (4 p.t1), Caruso (2), De Luca (23), Luciani (12), Mazzuca (11), Stella (4), Guido (1), D’Agostino (L), Naccarato, Arnieri. All.: Tonino Chirumbolo.

Virtus: Cilea (2), Canale (2), Lutri (7), Palco (3), Schiavone (6), Aquilino (2), (), Moscato (L), Marrara, Marraffa. All.: Luigi Cilea.

Arbitri: N. A. Braile e D. Marcianò.

Note: Ace: Cosenza (11), Virtus (1). Err/Batt.: Cosenza (7), Virtus (9). Muri: Cosenza (1), Virtus (1). Durata della gara: 1 ora e 5 minuti.

Ottava vittoria in dieci gare e quarto posto in classifica per la squadra del presidente Filippelli, nel campionato di serie C femminile calabrese. Col passare delle giornate, probabilmente, la “forbice che separa le prime tre del campionato (Sensation Gioiosa, Todo Sport e Caffè Carioka Paola) dal resto del gruppo crescerà, ma avere come obiettivo un posticino nei play off resta un piccolo sogno che impossibile non è: per Cosenza e per almeno altre due-tre squadre.

La gara di ieri, contro la Virtus Stella d’oro Coni 1962, presentava qualche piccolo cruccio per lo staff tecnico rossoblù: c’era da gestire l’assenza contemporanea, per problemi fisici, delle due centrali titolari: Jessica Meringolo e Federica Di Lieto. Due assenze pesanti che avrebbero comunque inciso sull’efficienza dell’attacco, del muro e della battuta, considerando che entrambe le giocatrici hanno sempre mostrato la loro pericolosità in tutti i fondamentali. Sia Chirumbolo che la sua “vice”, Maristella Barbagallo, prima della gara erano molto abbottonati, a proposito della formazione da schierare, ma poi le scelte si sono rivelate quelle più giuste, a giudicare dal risultato e dai parziali dei set. Questo il sestetto cosentino: Claudia Di Lieto in regia, Caruso opposto, De Luca e Luciani schiacciatrici, Mazzuca e Stella al centro, mentre nel ruolo di libero, visto l’infortunio del libero titolare, Eleonora Salvo, veniva confermata Erika D’Agostino, sempre più al centro dei meccanismi della squadra: pulita in ricezione e molto reattiva in difesa.

Dall’altra parte della rete, la Virtus schierava Cilea in diagonale con l’opposto Canale, al centro Schiavone e Aquilino, di banda Palco e Lutri, con Moscato nel ruolo di libero.

Ad arbitrare, due “fischietti” di categoria superiore, Braile e Marcianò, che hanno diretto sul velluto una gara comunque tranquilla.

Cosenza parte decisa: subito 5-2 e 10-3, costringendo la Virtus al primo time out della gara. Come al solito, la parte del leone la facevano le due schiacciatrici cosentine, De Luca e Luciani, impegnate soprattutto in fase di contrattacco. E se hai due cecchini come le due già citate, ecco che le sorti della gara prendono una piega inesorabile.

Al resto pensavano le giovanissime schierate al centro e in diagonale con la palleggiatrice, che sia in attacco che in battuta contribuivano a dare il colpo di grazia alle avversarie. Brillavano i cinque ace di Sarah Mazzuca, ma anche Stella e Caruso davano il loro contributo. Spazio anche per Arnieri e Guido. Solo nel terzo parziale, complice un piccolo calo delle padrone di casa, le ragazze reggine davano prova di una capacità reattiva bella a vedersi, soprattutto con Lutri e Schiavone.

La gara si concludeva tra gli applausi dei coraggiosi che avevano sfidato una serata di bufera per assistere alla prestazione della loro squadra.

Sergio Lionetti




ULTIMISSIME
Il vento non ha riguardi
Sabato 14 Dicembre 2019