Quantcast

Presto la seduta della consulta per la legalità

La scelta dopo i recenti atti delinquenziali avvenuti nella cittadina tirrenica

Più informazioni su


    CETRARO (Cs) – Dopo i gravi e ricorrenti atti delinquenziali verificatisi a Cetraro negli ultimi tempi, tra i quali, quello ai danni del capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Ermanno Cennamo, e quello ai danni di Fernando Caldiero,anch’egli dirigente del Pd di Cetraro, nonché vicepresidente del Laboratorio sperimentale “Giovanni Losardo”, il Partito democratico regionale ha deciso di dare un segnale concreto di reazione a questa pericolosa recrudescenza criminale che sta nuovamente caratterizzando la cittadina tirrenica. Il Pd ha, infatti, organizzato proprio a Cetraro un incontro della Consulta regionale per la legalità dello stesso Pd, organismo che, come è noto, è presieduto da Cesare Marini, più volte senatore e deputato, consigliere regionale del vecchio Psi, di cui è stato anche segretario regionale, e a lungo sindaco del proprio Comune, San Demetrio Corone. Rispondendo, pertanto, all’appello del Pd di Cetraro, affinché si affrontino nel modo più opportuno i recenti fatti di cui sono, appunto, stati protagonisti, loro malgrado, due tra i più impegnati propri dirigenti, nonché per affrontare la sempre attuale questione dell’ordine pubblico nella cittadina, di concerto con l’Amministrazione comunale di Cetraro e con le forze politiche e sociali della città, la Consulta per la legalità del Pd calabrese si terrà a Cetraro il prossimo 20 ottobre, presso la Sala consiliare “Don Roberto Russo”, con inizio alle ore 18,00. La Consulta regionale per la legalità “è uno strumento di analisi, di iniziativa e di cultura politica”. Così come sottolineato, in una nota, dallo stesso Pd calabrese all’atto del suo insediamento, avvenuto nello scorso mese di febbraio, “Tocca a noi fare un salto di qualità nella lotta alle mafie. La criminalità è nemica del progresso, della libertà e del cambiamento. Per questo, una nuova politica che rafforzi il principio di legalità rappresenta il migliore rimedio e la più efficace lotta alle mafie: quella che prosciuga la palude della corruzione, del malaffare e dell’occupazione privatistica del potere delle istituzioni, democraticamente elette”. (Clelia Rovale)

    Più informazioni su