Quantcast

Il futuro di Rovito non può prescindere dalla chiusura della discarica di Celico

“Il nostro comune è la cerniera naturale di collegamento tra l’area urbana cosentina e il territorio silano e presilano” ribadisce il circolo del Pd locale

Più informazioni su


    Al confronto pubblico, introdotto da un filmato “Rovito: identità, cultura e paesaggio” realizzato dal videographer Ivan Ferraro, erano presenti gli ex sindaci di Rovito, Peppino Pecora, Giovanni Ferraro e Giampaolo Gerbasi e l’attuale primo cittadino Felice D’Alessandro.

    “La particolare ubicazione del nostro Comune può essere considerata un punto di forza – commentano –  perché è situato a pochi chilometri dalla città e offre la possibilità di vivere una dimensione diversa dai ritmi della realtà urbana, ma anche un punto di debolezza, perchè incentiva la tendenza allo spopolamento e all’abbandono soprattutto da parte dei giovani

     Nel corso della tavola rotonda sono state avanzate anche alcune proposte di intervento su cui impostare, la programmazione del territorio comunale di Rovito come la creazione di impianti sportivi moderni, maneggi attrezzati, percorsi finalizzati alla scoperta e alla valorizzazione del paesaggio e del territorio, orti solidali, iniziative volte al turismo sostenibile, all’agricoltura biologica, all’incentivazione di vere e proprie filiere commerciali che promuovano le risorse e i prodotti tipici locali e offrano serie opportunità occupazionali soprattutto alle giovani generazioni.

    “Qualsiasi programma di rilancio del territorio, però – è stato sottolineato in tutti gli interventi- non può prescindere da un problema che angustia da anni il Comune di Rovito e che riguarda la presenza della discarica di Celico. Una presenza che ha ricadute pesantemente negative sia sulla qualità della vita che sulla salvaguardia della salute dei cittadini e sull’immagine complessiva del’intero comprensorio. Naturalmente la soluzione di questo problema non dipende né l’Amministrazione comunale di Rovito, né dalle decisioni del locale Circolo del Pd che, finora, hanno fatto quanto è nelle proprie possibilità per chiedere la chiusura definitiva di questa struttura”.

    “Sulla scorta di questa esigenza -è stato detto al termine dell’incontro- il Circolo del Pd di Rovito, nei prossimi giorni si farà promotore di un incontro con il Presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio e con l’assessore all’Ambiente della Regione Calabria, Antonella Rizzo, per sollecitare la chiusura definitiva di una struttura che ammorba l’aria, minaccia la salute dei cittadini e impedisce qualsiasi ipotesi di  sviluppo e di  rilancio dell’intero territorio rovitese e di tutti quei comuni che sono costretti a respirare gli olezzi malsani prodotti dalla stessa”.

     

    Alessia Rausa

     

    Più informazioni su