Quantcast

Crisi idrica, Miceli (M5S): ‘Inconcepibili le inefficienze di Manna’

“L’incapacità di questa amministrazione nel gestire un’emergenza ormai nota, com’è quella idrica, ci lascia interdetti”

Più informazioni su


    “La rete idrica rendese è un colabrodo: il 50% dell’acqua si disperde allegramente per strada, dopo che un 75% si disperde nella rete gestita da Sorical. Percentuali da capogiro che rendono l’idea della mancanza di interesse che la classe politica calabrese mostra per questo servizio, il cui accesso rientra tra i diritti fondamentali dell’uomo. Ma l’incapacità dell’amministrazione Manna di gestire un’emergenza ormai nota, com’è quella idrica, ci lascia interdetti”. Lo scrive in una nota il consigliere comunale e capogruppo del M5S, Domenico Miceli che in merito aggiunge: “C’è un sindaco e una giunta che non hanno ancora pensato di approntare un piano di comunicazione per informare la cittadinanza dell’interruzione dell’erogazione idrica, provocando estremi disagi tanto alle attività commerciali (bar, ristoranti, pizzerie, B&B) quanto ai cittadini privati. Ci sono quartieri (Villaggio Europa, Roges e Commenda) in cui l’acqua arriva, quando tutto va bene, mezz’ora al giorno. Altri in cui da tre giorni i rubinetti sono a secco. Ma nessuno si degna di segnalare i disservizi alla cittadinanza coinvolta. Anzi, c’è anche chi si lamenta delle sacrosante proteste degli utenti. La verità è che questa amministrazione, completamente soggiogata al volere del Pd regionale, non ha alcuna intenzione di mettere mano al portafogli per inaugurare una stagione di ammodernamento della rete idrica comunale. E non ha alcuna intenzione di costringere la società privata che gestisce la rete sul territorio comunale, ad intervenire in tal senso. Si ci limita ad una manutenzione ordinaria e straordinaria, con notevoli esborsi di denaro, per tappare qualche falla qua e la senza riuscire a risolvere il problema alla base. Come Movimento 5 Stelle, da sempre promotori di una vera gestione pubblica dell’acqua e non di una gestione in mano ai privati (presenti e futuri), crediamo che non sia più rinviabile un lavoro certosino sulla rete idrica comunale al fine di rendere un servizio più efficace, efficiente ed economico ai nostri cittadini. Serve una programmazione seria e servirebbe riportare la gestione nelle mani dell’ente comunale per poter investire tutti i risparmi nell’ammodernamento. Ma la verità è che Manna preferisce sempre il silenzio: sia a livello istituzionale, che a livello di comunicazione puntuale per risolvere i problemi della gente”

    Più informazioni su