Quantcast

Rende 2019, Tursi Prato: “Cambiare è possibile, indietro non si torna”

Incontro con i candidati delle sue liste ed il mondo dell'associazionismo

Più informazioni su


    RENDE – Sala Expo 3 dell’Ariha Hotel a Rende piena in ordine di posti, per il ventiduesimo incontro pubblico mensile della coalizione sociale che sostiene la candidatura a sindaco di Rende di Sergio Tursi Prato. Presenti alla riunione al gran completo i 24 candidati,16 uomini ed 8 donne, della lista” Il Coraggio di Cambiare Rende con Sergio Tursi Prato sindaco”, al cui interno confluiranno anche alcuni rappresentanti di associazioni del mondo del volontariato laico e cattolico (tra cui l’ALT con Maria Giovanna Tarantino e l’Associazione Semplicemente Donne con Loredana Saturno), quelli della lista “Federazione Civica Rendese” ,di “Gente Onesta”, con Francesca Manfredi e Matteo Spagnuolo , di un gruppo di giovani rendesi come Antonio Belmonte, Emanuele Gerardi e Francesco Rubino, come “uditori” interessati allo sviluppo delle linee programmatiche per il Movimento Cattolico NOI, Fedele Serpe, Vincenzo Capocasale e Maria Luisa Celani.Tanti gli spunti di riflessione da parte di tutti coloro che sono intervenuti sulle criticità e le potenzialità inespresse della città di Rende, le cui proposte confluiranno nel programma elettorale in via di elaborazione. Da segnalare, inoltre, sempre come candidata al Consiglio Comunale, Virginia Oltean, che vuole coinvolgere attivamente un gruppo di immigrati rumeni in questo nuovo contenitore di inclusione sociale nella comunità locale. Nel suo intervento Sergio Tursi Prato ha evidenziato l’entusiasmo crescente intorno alla sua candidatura, che vuole essere di radicale cambiamento rispetto al passato ed al presente amministrativo, con un coinvolgimento sempre più consistente di una parte della società civile che non si sente rappresentata da nessuno degli attuali Partiti presenti nel nostro Paese. Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento finale di Giuseppe Graziano, Presidente Nazionale del CCI, sempre di più convinto della forza progettuale e numerica della coalizione sociale.

    Più informazioni su