Quantcast

Provinciali Cosenza, Porco (Pd): “Grande soddisfazione, ora bisogna lavorare bene per il territorio”

“Siamo molto soddisfatti dall'esito delle urne che ha dato, al Partito Democratico, la possibilità di conquistare un ottimo risultato”

Più informazioni su

     

    COSENZA – “Si sono concluse le operazioni di voto per il rinnovo del Consiglio Provinciale di Cosenza che hanno visto una affluenza significativa, pari all’82,57% degli aventi diritto al voto; un’alta partecipazione che da il senso di una competizione molto sentita e importante per la vita amministrativa e politica sul territorio. Attraverso le consultazioni di secondo livello, con il voto ponderato, secondo quanto previsto dalla cosiddetta Legge Delrio, ieri si è proceduto alla elezione dei Consiglieri Provinciali che affiancheranno, nell’azione di Governo, il Presidente Iacucci. Siamo molto soddisfatti dall’esito delle urne che ha dato, al Partito Democratico, la possibilità di conquistare un ottimo risultato”. Lo sostiene Alessandro Porco, Vice Segretario Provinciale PD di Cosenza. “Due le liste di matrice PD: “Provincia Democratica” e “Insieme per la Provincia” che hanno ottenuto, rispettivamente, cinque e tre seggi. Questa è la dimostrazione che negli Enti territoriali esiste una forza consistente a sostegno del Partito Democratico che ha impegnato ogni risorsa per una buona azione amministrativa e che darà il giusto sostegno al Presidente Iacucci, che in questi anni, si è espresso con il suo governo, nonostante le difficoltà e le ristrettezze economiche, quale ottimo amministratore della cosa pubblica. In qualità di Vice Segretario Provinciale auguro buon lavoro a tutti i consiglieri eletti e, in particolare a Graziano Di Natale, Felice D’Alessandro, Ermanno Cennamo, Francesco Gervasi, Ferdinando Nociti, Gennaro Licursi, Sergio Salvati e Francesco Giuseppe Falvo, affinché siano di supporto e sostegno al Presidente Francesco Iacucci in questi due anni a venire e perché si continui ad operare per il bene del nostro territorio e della nostra comunità”.

    Francesco Ciacco

     

    Più informazioni su