Quantcast

Terremoto, controlli nelle scuole: nessun danno riscontrato ma alcuni istituti chiusi fino al 29 febbraio

Lo dichiara il presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci

Più informazioni su

A seguito della scossa di terremoto di magnitudo 4.4 registratasi nel pomeriggio del 24 febbraio, la Provincia ha predisposto controlli di sicurezza su 19 istituti scolastici. Ieri e oggi, infatti, tecnici del Settore Edilizia della Provincia di Cosenza, suddivisi in quattro gruppi, hanno eseguito verifiche e sopralluoghi nelle scuole di istruzione secondaria, con tutte le pertinenze annesse, di competenza dell’amministrazione provinciale.

Dai controlli effettuati anche alla presenza di rappresentanti delle istituzioni scolastiche, non sono stati riscontrati danni alle strutture di Cosenza, Rende, Castrolibero, Rogliano e al Conservatorio musicale di Cosenza.

I dirigenti scolastici sono stati puntualmente informati e potranno riprendere regolarmente l’attività didattica, sospesa in questi due giorni per garantire l’incolumità degli studenti e del personale docente e non docente.

Rimarcando che non sono stati riscontranti danni agli edifici scolastici, eventuali lavori di manutenzione, che si rendono necessari per ripristinare lievi fessurazioni della muratura, dell’intonaco e della pittura, partiranno nel più breve tempo possibile.

Rimarranno chiusi gli asili e le scuole primarie e secondarie di primo grado del comune di Rende, fino al 29 febbraio, per consentire la conclusione delle verifiche e i lavori a seguito di piccoli ‘danni’, di non rilevante entità. Le scuole interessate dai lavori e dalle operazioni di pulizia straordinaria sono le primarie e secondarie di primo grado “Stancati”, “Via Meucci – Quattromiglia”, “Villaggio Europa”, “Linze”, “Santo Stefano” e le scuole materne di “c.da Tocci” e “via Silvio Pellico”. Le altre scuole, saranno interessate dalla pulizia straordinaria domani e riapriranno venerdì 28 febbraio.

Resteranno invece chiuse fino a sabato 29 febbraio tutte le scuole materne, primarie e secondarie di primo grado della città di Cosenza, per consentire ai tecnici di completare i controlli ed eventualmente bonificare le aule.

 

Più informazioni su