Quantcast

COSENZA CALCISTICA, SEI TROPPO VOLUBILE!

E' bastata la sconfitta interna contro il “resuscitato” Taranto, a far dimenticare, in tutta fretta, la festa post derby di Catanzaro

Più informazioni su


    COSENZA – Dal 10 in Storia rossoblù, all’insufficienza, quasi piena, in condizione atletica e tenuta mentale. La Cosenza calcistica, si sa, non conosce bene cosa sia la linea dell’equilibrio. E’ bastata la sconfitta interna contro il “resuscitato” Taranto, a far dimenticare, in tutta fretta, la fantastica festa del durante e post derby di Catanzaro. Al cospetto di un “Marulla” tirato a lucido e illuminato a dovere per accogliere la “prima” dei Lupi, la squadra di Giorgio Roselli, ha toppato. Manovra lenta, geometrie a centrocampo ingolfate, fluidità di gioco tra i reparti poco reattiva, poca incisività negli ultimi sedici metri. Una bocciatura. Insomma. Certo, a voler essere più obiettivi che tifosi, le attenunanti all’undici rossoblù, non mancano di certo. A cominciare da una squadra, soprattutto nella zona nevralgica di metà campo e in prima linea, ridisegnata. Ex novo. In un solo colpo e con un abile gioco d’astuzia di Mauro Meluso, ex “disegnatore” della formazione silana, ora al Lecce, il Cosenza ha perso, per eccessiva ingenuità del patron Guarascio, ancora poco avvezzo ai tempi del calcio, pedine inamovibili come Arrigoni, Ciancio, Fiordilino, Arrighini, La Mantia, Vutov. Una squadra, di muscoli e tecnica. Al loro posto sono arrivati Capece, Mungo, Gambino, Baclet, D’Anna. Ma tutti sono ancora in fase di rodaggio. Se, ce ne fosse bisogno, ecco un’altra giustificazione. Gli infortuni e il ritardo di condizione. Ma basta tutto questo per giustificare, non solo un ko interno ma una metamorfosi, di stile kafkiano, tra la domenica del derby e la notte del “Marulla”?. Una notte, buia, nelle trame di gioco e nella tempra tecnica e nella tenuta psico-caratteriale. La risposta a questa e a tante altre domande, forse arriverà a Matera. meglio ancora, se insieme ai tre punti e, perché no, anche al gioco e al carattere. (Carmine Calabrese)

    Più informazioni su