Quantcast

Pallavolo maschile. Presentata “L’Area Brutia Volley Team Cosenza”

La squadra del presidente Stanislao Amato quest'anno militerà nel campionato di serie "B" unica

Più informazioni su


    COSENZA – Nei saloni dell’Hotel Europa, a Rende, presentati stamattina lo staff dirigenziale e la nuova squadra. Davanti ad un nutrito gruppo di addetti ai lavori ed esponenti del mondo sportivo cittadino, l’Area Brutia Cosenza ha presentato il suo staff dirigenziale e l’organico tecnico che affronterà il campionato di serie B (“B unica”, da quest’anno) di pallavolo maschile. Il presidente sarà sempre il notaio Stanislao Amato, che ricopre questo ruolo fin dai primi anni anni di vita di questa società, quando si chiamava Eurosport Brutium, ed era subentrato al primo presidente, Pino Quintieri. Chi scrive ricorda con piacere quegli anni, avendo fatto parte del sodalizio dopo pochi mesi dalla sua creazione. Il vice presidente continua ad essere il figlio, Andrea Amato, che si avvarrà di Alessandro Piluso (ex capitano: fino a pochi mesi fa inamovibile punto fermo della squadra) come Direttore sportivo, di Nilo Persico in qualità di Amministratore Delegato, di Franco Aulicino come segretario e Franco Mazzuca come Dirigente accompagnatore. Presenti, a rappresentare la FIPAV, il consigliere regionale Claudio Conte e il presidente del comitato provinciale, il professore Mario Calabrese. La squadra sarà affidata al tecnico bulgaro Giorgio Draganov, che ha già ricoperto questo ruolo più di quindici anni fa, appena reduce dalla tranquilla salvezza con la squadra di Palmi, in serie A2 femminile, nello scorso campionato. L’Area Brutia esordirà domani pomeriggio, sul parquet di via Popolia, ospitando il Bari: inizio alle ore 18:00. Molti gli interventi di saluto, ma quello del vice-presidente Andrea Amato ha più di tutti fotografato il momento storico davvero cruciale di questa società: “Cosenza deve recuperare quella credibilità che, negli anni passati, ne aveva fatto, in campo nazionale, la società in cui tantissimi giocatori di alto livello speravano di andare a giocare.” Un augurio che chi ama la pallavolo non può non elogiare e condividere. (Sergio Lionetti)

    Più informazioni su