Quantcast

Pallavolo C maschile. Cetraro e Rossano: due squilli assordanti

La Donrusso vince a Bisignano ed è prima, mentre Rossano, vincendo a Praja, raggiunge Bisignano al secondo posto. Montalto cade a Corigliano

Più informazioni su


    Presentando le gare della settima giornata, dicevamo che due erano le gare in cui si faceva “sul serio”: il big match di Collina Castello, a Bisignano, tra la San Vincenzo Salumi e Cetraro, e la trasferta-esame di maturità del Rossano sul campo dello Spes Praja. Le due partite hanno mantenuto le premesse: le vittorie delle squadre in trasferta scuote la testa della classifica e incorona una nuova regina. Alla vittoria, lucida e meritata, della Donrusso abbiamo dato ampio risalto in cronaca, su queste pagine (chi vuole, può andare a leggere) e non c’è molto da aggiungere. Per il Bisignano, se vuole, questa sconfitta è una grande occasione di crescita, se saprà fare tesoro di quei problemi che una squadra esperta come Cetraro ha fatto venire a galla. Il campionato è ancora lungo e quello che conta sarà arrivare nei primi quattro: lo ripeteremo più volte, per cui meglio rassegnarsi. Chi invece era davvero sotto esame per il modo in cui avrebbe (o non avrebbe) superato il primo vero scoglio sul proprio cammino era il Rossano: la trasferta nel Palatenda di Praja era già costata cara al Montalto: e non solo perché incompleto. Lo Spes, a sua volta, aspettava questo impegno anche per capire qualcosa di più sulla propria forza. I primi due parziali, vinti uno a testa ai vantaggi (27-25 e 25-27) sono lo specchio perfetto di una gara che poteva tranquillamente arrivare al quinto set e nessuno si sarebbe stupito. Il fatto che la squadra jonica sia riuscita portare a casa i tre punti dimostra che le previsioni di molti addetti ai lavori non erano piaggerie un po’ superficiali, ma una stima basata sul valore dei singoli. Su quale potesse essere la reazione del gruppo ad un campionato di serie C, bisognava avere la pazienza di aspettare e vedere, per rispetto ai ragazzi, alla dirigenza, allo staff tecnico. Abbiamo aspettato e stiamo vedendo quanto di buono sta arrivando. Ancora mancano gli scontri diretti con le altre prime della classe, ma sarà importante vedere in che condizioni psicologiche arriveranno le avversarie del Rossano a queste gare. Per adesso, Lapietra Rossano e Donrusso Cetraro sono le uniche due squadre a non aver mai perso e con il gran numero di partite insidiose che saranno in programma sarà interessante vedere chi riuscirà a mantenere più a lungo questa invidiabile situazione. La quarta squadra del gruppo di testa, il Montalto, era chiamato alla partita meno ardua, sulla carta: andava a far visita ai ragazzi del Corigliano Volley. L’avevamo detto e lo ripetiamo: guai a sottovalutare una squadra di ragazzi e guai a presentarsi a queste gare incompleti o con le idee poco chiare. E così, un po’ per un motivo, un po’ per l’altro, il Montalto, dopo aver vinto il primo set, ha sofferto parecchio nel secondo e nel terzo. Giacomo Tomasello, che sarà “nuovo” come allenatore ma che ha lucidità ed esperienza da vendere, prende le misure ai due terminali d’attacco più serviti: Rota e Iannace, sia a muro che in difesa, così il Corigliano ribalta la situazione. Nel quarto, però, il Montalto ritrova gli sbocchi delle gare migliori e si porta sul due pari. Poi, nel tie break, equilibrio fino alla fine, con i padroni di casa che la spuntano nel finale: 15-13. L’altra gara importante vedeva la Lu.ca. Volley impegnata sul campo della Milani, a Rende: anche di questa abbiamo riferito sulle nostre pagine. I ragazzi reggini, con importanti innesti dal gruppo del Bagnara, hanno vinto e si sono portati a ridosso dal gruppo di testa: restate collegati, il gioco si fa interessante.

    Sergio Lionetti

    Più informazioni su