Quantcast

Calcio. Cosenza, che cuore!

I lupi pareggiano 1 a 1 con il Matera e lo lasciano di “sasso”

Più informazioni su


    Sofferenza e sacrificio. Il Cosenza strappa con le unghie e con i denti la qualificazione e accede ai quarti di finale del torneo playoff. A Matera si pareggia 1 a 1 grazie all’immenso Perina e all’instancabile lavoro dei suoi compagni. Numerosi i tifosi di fede rossoblú giunti in Lucania a supportare la squadra. Riuniti al parco “Romeo”, invece, i non tesserati a condividere le emozioni dei 90 minuti. Le prime occasioni del match, come prevedibile, sono del Matera. Al 9’ è Strambelli ad impegnare Perina che si oppone provvidenzialmente alla conclusione. Ancora Matera al 16’ quando l’ex De Rose ci prova dalla distanza trovando i guantoni del portiere rossoblú.

    La prima occasione da rete dei lupi arriva al 18’ con Mungo. Il fantasista dei lupi sfiora il palo mettendo i brividi a Tozzo. La pressione dei padroni di casa, obbligati alla vittoria, si fa sempre piú martellante. È Carretta ad insidiare il risultato giunti al 22’, ancora Perina insuperabile. Al 29’ il giocatore dei lucani si ripete, questa volta come assistman per Armero. Il compagno sbaglia clamorosamente lasciando invariato il parziale. Il goal che sblocca la partita arriva al 35’. Mungo offre un delizioso pallone che Mendicino deve spingere in porta. È 1 a 0 per i lupi. Il Matera tenta subito di riagganciare gli ospiti ma Ingrosso manca l’appuntamento con il goal per pochi centimentri.

    Il Cosenza non si ferma e tenta il colpaccio con D’Orazio al 40’. Ad accogliere la sfera, stavolta, c’è il legno. Il primo tempo si chiude con l’ennesima prodezza di Perina sul potente destro di Negro. Nella ripresa Auteri è costretto a cambiare l’estremo difensore; a Tozzo subentra Biscarini. Bastano solo due minuti e il solito Perina vola sul pericolosissimo tiro di Mattera. Al 57’ gli sforzi del Matera sembrano trovare riscontro grazie alla rete d’Ingrosso. È celere l’assistente nel spegnere gli entusiasmi annullando la rete per offside.Analoga situazione all’82 quando a segnare è Infantino.

    Il Matera trova il pari sul finire dei minuti regolamentari. Il goal lo sigla Di Lorenzo che insacca con un’incornata. Gli ultimi 5 minuti di recupero vedono il Cosenza alzare le barricate fino al triplice fischio dell’arbitro. Addio alla tensione e finalmente spazio alla gioia. Il Cosenza passa il turno. Ci voleva una gara cosí importante per dimostrare a tutti quanta tenacia e orgoglio abbia la squadra guidata da De Angelis. Il Cosenza visto a Matera ha dimostrato che la tecnica non è tutto; dove non arrivano le gambe si colma con il cuore e con Perina. Si, perché oggi il portiere dei lupi ha difeso strenuamente la propria porta dando fiducia ai compagni di reparto.

    Dove mancavano Blondett e Tedeschi, lui era sempre pronto a volare nell’acciuffare la sfera meritando gli elogi. Il tempo per festeggiare, però, non è molto. A breve l’urna designerà il nuovo avversario dei lupi ricordando a Caccetta e compagni che sono ancora molti i tasselli del puzzle che compongono quella magica consonante chiamata “B”.

    Daniele De Napoli

    Foto Raffaele Morrone

    Più informazioni su