Quantcast

Serie C femminile. Ecco le nuove atlete della Volley Cosenza

Presentate le due nuove giocatrici che completano la “rosa” della squadra silana: Giusy Saieva (a destra, nella foto) e Stefania Mirimich

Più informazioni su


    Abbiamo dovuto aspettare la conferenza stampa indetta dalla dirigenza cosentina, per conoscere i nomi delle due nuove giocatrici che completeranno la rosa della squadra. Tutti i dirigenti, per un riserbo che apprezziamo e per una scaramanzia che non comprendiamo, erano molto “abbottonati”, sull’argomento, ma ora il velo è caduto.

    A giudicare dai nomi, sembrano due straniere, ma sono italianissime. Il Presidente Filippelli ci ha tenuto a chiarire che non sono stati rinnegati i tanti discorsi dello scorso anno sull’uso molto “disinvolto” di alcune atlete non italiane da parte di qualche società calabrese. Ma queste strategie di volley-mercato non sarebbero state consentite, se ci fosse stato un regolamento più chiaro oppure con strategie societarie di maggior spessore tecnico (questo lo diciamo noi, non il presidente della Volley Cosenza), cioè mirato a creare in casa le atlete per i campionati regionali.

    Ma qui il discorso si allunga e si va a toccare il livello degli allenatori che le varie società ingaggiano: non è questa la sede per farlo, ma meglio che ogni tanto ce ne ricordiamo tutti.

    Tornando alle due nuove arrivate, si tratta di un libero (in grado di farsi valere anche come schiacciatrice) e di una palleggiatrice.

    Il libero è Giusy Saieva, che ha già giocato dalle nostre parti (Kermes Spezzano, in B2, e Avolio Castrovillari, in C) e che porterà sicuramente esperienza e lucidità in una squadra che ha bisogno di ridurre al minimo quei momenti di “smarrimento” che molto spesso hanno rischiato di compromettere il risultato partite da vincere e che altre volte l’hanno realmente compromesso.

    La palleggiatrice è Stefania Mirimich, il cui accento romano aiuta a confermare le sue origini laziali. Il suo ingaggio sa un po’ di “carrambata”: durante un pour parler, i dirigenti cosentini hanno appreso che c’era questa esperta palleggiatrice che non giocava da un po’ e che poteva essere utile alla causa. Una volta interpellata, Stefania ha accettato di rimettersi in gioco e, soprattutto, di rimettersi in forma. Farà parte del gruppo e, oltre a questo, darà una mano per tirar fuori dai gruppi di giovanissime pallavoliste qualche ragazza più talentuosa da plasmare in chiave futura.

    Sergio Lionetti

    Più informazioni su