Quantcast

Pallanuoto. Cosenza lascia l’intera posta in palio alla capolista Tolentino

Sconfitta ma non ridimensionata, nelle ambizioni e nel gioco

Cosenza Pallanuoto: Sena, Citino, Halocka, Sangiovanni, Greco, Malluzzo, Morrone 1, Romano, Manna, Zaffina 1, Nisticó 5, Garritano, Stavolo. All: Fasanella.

Tolentino: Ginobili, Finocchi 1, Pieroni, Santandrea, Mircoli 2, Bersacchia, Kholi 2, El Omari, De Mari 2, Acciarresi, Fefè, Marconi, Travaglino. All: Martinovic

Arbitro: Tropiano di Bari.

Note: Spettatori 250 circa. Espulsioni: Cosenza 2/7 più in rigore trasformato da Nisticó; Tolentino 1/6 più un rigore parato da Sena.

Sconfitta ma non ridimensionata, nelle ambizioni e nel gioco. Cosenza lascia l’intera posta in palio alla capolista Tolentino, in una gara terminata 7-9 ma sempre in equilibrio. La squadra di Fasanella ha infatti mostrato qualche incertezza nei momenti importanti del match, pagata a caro prezzo contro una squadra muscolare, trascinata da Kholi. Pronti via e proprio lei apre le danze prima del pari della 2005 di Cosenza Morrone. Ancora Kholi e Tolentino chiude il primo tempo in vantaggio.

Nel secondo Nisticó con due reti e Zaffina con una bella palomba rispondono a Mircoli e alla ex De Mari e si va al riposo lungo sul 5-5. Tolentino al rientro allunga di due, fa zona per annullare Citino, ma lascia il tiro da fuori e Nisticó accorcia sulla sirena iniziando il quarto con un altro centro. Gara in parità, ma Tolentino in un minuto allunga di due. Cosenza reagisce, protesta per un gol fantasma non assegnato e subisce anche il 6-9. Nisticó (5 reti per lei), accorcia ancora, ma negli ultimi due minuti i portieri restano imbattuti. La vince Tolentino quindi, che festeggia il primato contro una squadra viva e ben messa in vasca che ha pagato però la fisicità delle ospiti e qualche errore singolo di troppo.

Ora testa al Volturno con la voglia di vincere e la consapevolezza che i tre punti in classifica sono bugiardi. Le rossoblu hanno infatti ritrovato anche Garritano e non sono mai state messe sotto da nessuna squadra sul piano del gioco. Dati positivi sui quali costruire il resto della stagione.