Quantcast

Il premio Tenco a Cosenza

Occhiuto: “Un momento di confronto culturale con i nostri giovani talenti”

Più informazioni su


     

    COSENZA – Musica d’autore, qualità artistica e occasione di incontro. In sintesi: il “Tenco ascolta”, ovvero il club Premio Tenco, fondato nel 1972 nel nome del grande e indimenticato cantautore italiano, quest’anno, per la prima volta, farà tappa in Calabria, a Cosenza. Il concorso che, tradizionalmente apre la strada verso il festival di San Remo, è organizzato in partenariato con la fondazione Lilly Funaro e rientra nel preciso indirizzo politico-amministrativo voluto dal sindaco Mario Occhiuto per “Cosenza Capitale della Cultura 2018” e attuato dalla referente per la Cultura Eva Catizone. In due giorni, l’1 e il 2 ottobre prossimi, le mura del Castello svevo saranno avvolte da note e testi per buoni intenditori ma, tra gli spettacoli delle due serate in programma, ci sarà anche spazio (il pomeriggio del 2 ottobre) per un dibattito dedicato agli addetti ai lavori con una delegazione del Tenco, esperti, del calibro di Stefano Senardi ed Enrico De Angelis. L’appuntamento pomeridiano del 2 ottobre (sempre di scena al Castello) sarà occasione di scambio come pure di conoscenza, per i cantanti, per gli autori e per i musicisti che volessero saperne di più sulle varie fasi che conducono alla partecipazione e alla candidatura delle diverse sezioni delle targhe Tenco. Chi volesse accreditarsi, può inviare una mail all’indirizzo: tencoascolta@comune.cosenza.it. La delegazione ha inoltre già provveduto a selezionare le 8 proposte musicali che si esibiranno a Cosenza nell’arco delle due serate e che sono state scelte appositamente, non a caso, in rappresentanza di tutto il Sud. Per l’edizione 2016, com’è noto, sono già stati annunciati tre premi Tenco: Stan Ridgway, Otello Profazio e Sergio Staino. “Siamo orgogliosi di ospitare un evento così prestigiioso che a sua volta metterà in luce i numerosi artisti calabresi e meridionali tra i nomi emergenti della musica d’autore – afferma Mario Occhiuto – Cosenza dimostra così di volere affermarsi come riferimento di città del Mezzogiorno che offre proposte culturali di livello. Mi piace ricordare – aggiunge il primo cittadino – che, oltre al riconoscimento già annunciato dal Tenco per Otello Profazio, il ‘nostro’ Peppe Voltarelli è candidato nella sezione ‘Interprete di canzoni non proprie’ con artisti come Francesco de Gregori, Peppe Servillo, Patty Pravo, Luca Barbarossa, Peppe Barra e Massimo Ranieri. Considerando l’attenzione che vogliamo riservare ai giovani talenti del territorio – aggiunge – tengo a invitarli personalmente a mandare la loro adesione per partecipare al confronto che si terrà a Cosenza il 2 ottobre con gli illustri rappresentanti del Tenco ascolta”. Il premio è patrocinato dall’Università della Calabria.

    Più informazioni su