Quantcast

Premio letterario ‘Amaro Silano’: ecco i vincitori

Dalla poesia dialettale, alla saggistica, alla narrativa, i nomi di tutti i premiati

Più informazioni su


    “Sono contento per la grande partecipazione. Realizzare un premio costa lavoro, ma, quando c’è questo bel riscontro, si comprende che ne è valsa la pena”: Luigi Speciale, responsabile del premio letterario “Amaro Silano” non nasconde la sua soddisfazione per la riuscita, anche quest’anno, del concorso. La cerimonia di premiazione si è svolta nella sala “De Cardona” del centro direzione della Banca di credito cooperativo di Rende, rappresentata dal segreteario generale, il giornalista Federico Bria,  con una presenza di pubblico degna capace di dare il giusto lustro a quello che da diversi anni ormai, è uno dei più significativi appuntamenti culturali emergenti nel panorama nazionale, che mira a dare spazio e opportunità alle opere di scrittori che, in un concorso come questo, trovano un giusto riconoscimento alle proprie fatiche letterarie.dottoressa Mariella Chiappetta, dalle professoresse Francesca Pirrone e Giuliana Spadafora, è stata presieduta dal professore Vincenzo Ferraro, tutti presenti alla premiazione. Madrina della manifestazione è stata la Professoressa Marina del Sordo. La serata, il cui ritmo è stato scandito dal direttore del “Premio Amaro Silano” Luigi Speciale, si è aperta con un omaggio all’avvocato Ernesto D’Ippolito, scomparso qualche giorno fa. Per la sezione Poesia Dialettale, premiato Gregorio Viglialoro con l’opera Echi e Risonanze, ed. Nuova Santelli e poi menzione al merito a Riccardo Mannelli per l’opera Pensieri e Ricordi, ed. Edibios. Per la Sezione Narrativa, premio ex aequo alle opere Gelusa di Loredana Nigri, Dalla Costa Editore e Il ricordo sconnesso di Simona Stammelluti, Falco Editore. Menzioni di merito a: Angelina Brasacchio per l’opera Il vestito della sposa – LiberEtà; Rita Fiordalisi per l’opera L’ultima carezza di Vincenzo – Editoriale progetto 2000; Rocco Giuseppe Greco per l’opera Il campo verde notte – Ferrari editore; Nicola Russo per l’opera Favola di città – Blanco edizioni; Mario Schiumerini per l’opera I racconti di nonno Mario – Aletti editore; Diletta Sposato per l’opera Il vento di cristallo – montedit Per la Sezione Saggistica, premio ex aequo a Sergio Aquino con l’opera Anatomia di una Disfatta, ed. Pellegrini editore e a Matteo Dalena e Alessandra Carelli con l’opera Ricovero Umberto I la Prigione degli inutili, Falco Editore Menzioni di merito a: Francesco Gallo per l’opera Le dee di Olimpia – Ultra editore; Giusy Staropoli Calafati per l’opera Saverio Strati non un meridionalista ma il meridione in se che parla, Disoblio edizioni. E, poi, ancora tanti premi speciali come quello andato ad Assunta Morrone per l’opera Eustachio Nauram le montagne che camminano, edito da Falco Editore e poi ancora ad Antonino Ballarati perl’opera Savoia o Borbone, edizioni Il Coscile. Premi speciali: Divulgazioni culturali a Ugo Bellantoni, Francesco Deodato, Rosario Dibilio. Alla carriera per la poesia dialettale a Antonio Martire. Memorie di Calabria alla casa editrice “Orizzonti Meridionali”, di Franco Alimena. Studio dei fenomeni culturali a Davide Carpino. Cultura delle tradizioni a Luisa Falcone Addante. Solidarietà sociale a Ettore Cozza. Alla carriera sportiva a Giorgio Trocini. Un premio anche al merito scolastico che è andato ad Ida Sicilia e un premio giovani, consegnato a Carmela De Luca, Vincenzo Orrico, Samuele Sicilia, Jennifer Vescio ed alla docente Rosanna Canino.

    Più informazioni su