Quantcast

Controlli dei carabinieri alla movida estiva sul tirreno cosentino durante l’ultimo week end.

Denunce e contravvenzioni per alcuni locali notturni. Rinvenute 10 piante di marijuana a casa di un giovane.

Più informazioni su


    Nell’ultimo weekend di agosto i Carabinieri della Compagnia di Scalea hanno attuato un ampio servizio di controllo del territorio finalizzato al monitoraggio della movida estiva lungo la costa dell’alto tirreno cosentino. L’attività si è concentrata nelle principali discoteche e nei più grandi locali notturni della costa che hanno richiamato sul territorio centinaia di turisti. I militari dell’Arma hanno sanzionato due locali per aver impiegato addetti alla sicurezza non in regola con la normativa vigente: sono stati complessivamente identificati dieci buttafuori che esercitavano senza la prescritta iscrizione nei registri della Prefettura. Tale mancanza, oltre a comportare una sanzione a carico del singolo lavoratore, comporta anche l’irrogazione di una sanzione al gestore del locale. A seguito delle numerose segnalazioni pervenute al numero di ponto intervento 112, i Carabinieri a San Nicola Arcella e Sangineto sono intervenuti in alcuni locali, all’interno dei quali si stavano svolgendo serate con musica ad altissimo volume. Assistiti dal personale specializzato ARPACAL che ha accertato con rilevazione fonometrica che la musica superava il limite consentito, arrecando molestie e disturbo al vicinato, i Carabinieri hanno denunciato a piede libero i rispettivi titolari. Due le denunce per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti effettuate dai Carabinieri di Praia a Mare: i militari hanno identificato un minorenne che occultava all’interno degli indumenti intimi numerose dosi di hashish, successivamente a seguito del rinvenimento di una dose di marijuana nel borsello di un ragazzo del posto, i Carabinieri hanno effettuato una perquisizione domiciliare rinvenendo dieci piante di marijuana che il giovane coltivava nel giardino di casa.

    Più informazioni su