Quantcast

“La Strada giusta”

È lo spot sociale che si è aggiudicato il primo posto nel progetto “a tutto g.a.s.s.” La distrazione alla guida può essere causa di morte

Più informazioni su


    Si chiama la “Strada giusta” lo spot sociale che si è aggiudicato il primo posto della sezione video nell’ambito del progetto “a tutto g.a.s.s.”, acronimo di Giovani Artefici della Sicurezza Stradale, promosso dalla Presidenza del Consiglio – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e dalla partnership istituzionale ICS Associati, Automobile Club Cosenza, Automobile Club Roma e Orsa Srl. Il filmato e i risultati finali del progetto sono stati presentati stamattina nell’ambito di una partecipata conferenza stampa nella sala convegni del Coni di Cosenza. Resi noti, inoltre, gli elaborati finali dei vincitori del concorso “Le Olimpiadi della Responsabilità”, creati da parte dei giovani “Testimoni responsabili” che hanno partecipato alla kermesse in questi lunghi mesi. La fase finale dell’iniziativa ha visto la partecipazione di una madrina d’eccezione, la giornalista Rai Maria Leitner – conduttrice TG2 Motori entusiasta di una manifestazione che ha definito – ammirevole e molto efficace che unisce nord e sud in un intendo comune, ovvero, quello di educare alla responsabilità stradale – che ha premiato i giovani vincitori. A rendere unico e accattivante il cortometraggio, ideato da Andrea Solano e prodotto dalla Open Field Production, la coinvolgente simpatia degli attori dell’associazione Idea e dell’Associazione sportiva dilettantistica Nemo che hanno saputo trasmettere efficacemente il messaggio educativo: un gesto errato o una semplice distrazione può provocare un incidente spesso anche mortale. Due minuti di pellicola che catalizzano, per l’appunto, l’attenzione sui temi della sicurezza stradale, e che restituiscono, in tutta la sua esclusività, l’ironia dei suoi protagonisti: il divertente e brillante Bruno Aloe, un ragazzo speciale con sindrome di down come altri componenti del cast, in prima linea, a traghettare chi guarda il filmato verso un universo parallelo, dove i riferimenti alla “normalità” o “anormalità” sono ben assortiti. Insomma, “La strada giusta” ha davvero centrato l’obiettivo a tal punto che la sezione calabrese dell’Associazione Nazionale Esercenti Cinema, vista la qualità della produzione, si è impegnata a promuoverlo tra i suoi associati proiettandolo nelle sale cinematografiche, di tutta la Calabria poco prima dell’inizio dei film in programmazione. Altri premi, inoltre, sono stati assegnati alle sezioni fotografia e scrittura creativa. Hanno preso parte, tra gli altri, alla conferenza stampa anche Sergio Aquino – già presidente Aci Cosenza, Giovanni Guagliardi – Delegazione Calabra AGIS ANEC, Evelina Catizone – delegata politiche culturali Comune di Cosenza, Fabrizio Orsomarso – Direttore progetto “A tutto G.A.S.S.”, Giuseppe Pettinato – presidente ICS Associati, Andrea Solano ideatore e produttore dello spot sociale, tutti entusiasti del progetto. Una iniziativa che rafforza lo sforzo innovativo di “a tutto g.a.s.s.” che, ad oggi, ha generato risultati visibilmente significativi: oltre 1.500 studenti degli istituti scolastici calabresi e laziali sensibilizzati e informati nell’ambito dell’iniziativa; 14 giornate dedicate alla responsabilità stradale. E ancora 1.600 giovani ai quali è stato sottoposto un questionario quale indicatore di responsabilità stradale; oltre 1.000 utenti medi mensili per il portale dedicato, 450 partecipanti al “Test di responsabilità” multimediale realizzato nell’ambito del progetto. Infine, ben 20 mila persone coinvolte dall’innovativo contest “testimoni responsabili” sul social network facebook con oltre 2.000 fanpage e 350 test di responsabilità somministrati nelle scuole che hanno permesso a 14 studenti di aggiudicarsi un corso di guida sicura tenutosi lo scorso 10 ottobre presso l’autodromo di ACI Vallelunga.

    Più informazioni su