Quantcast

Lorica Ski Area, via ai fatti concreti stop a certezze sbandierate

Il sindaco Marco Oliverio chiede un incontro alla popolazione

Più informazioni su


    Nella mattinata di oggi presso il piazzale della funivia di Lorica si è svolta una concitata riunione sull’intricata questione degli impianti sciistici. Nel corso della riunione sono venute fuori tutta una serie di questioni legate all’iter burocratico, che la stazione appaltante sta eseguendo sotto la guida dei Commissari nominati, il dott. Gentile e il dott. Lupo. A circa un mese e mezzo dalle vicende di malaffare che hanno coinvolto l’intera Calabria è necessario fare chiarezza. Questo l’obiettivo che il sindaco di Pedace si è preposto per la riunione tenutasi stamattina, dichiarando: “In seguito alla prima riunione tenutasi a Cosenza, la procura distrettuale ha chiesto una relazione giorno 5 febbraio. Giorno 9 febbraio, il Comune ha consegnato al dott. Gratteri la suddetta relazione che ha rivisto l’intero iter burocratico legato al PISL, il bando di gara e la programmazione fatta sulle opere compiute”. Ha poi continuato il Sindaco: “Allo stato attuale mancherebbero alcuni interventi per completare l’intera opera. Risultano incomplete l’alloggiamento della seggiovia e l’impianto d’innevamento artificiale”.Dunque, le soluzioni previste al momento sarebbero due: la prima legata al solo collaudo della cabinovia con tutte le polizze assicurative richieste, il personale da assumere per permettere che l’impianto giri. Questo tipo di soluzione richiederebbe un costo complessivo di  70.000 euro. La seconda soluzione di cui si è parlato sarebbe legata invece a un collaudo da parte dell’Ustiff, più la gestione fino alla data del 30 aprile con un dato costo, che dovrebbe garantire la parità di bilancio. Dopo aver chiarito le possibili strade da percorrere il sindaco ha ribadito, che si sta lavorando con maggiore attenzione sulla prima delle due ipotesi, dal momento che, nelle casse di Lorica Ski Area sono stati trovati appena 3.000 euro. Ecco come procederemo, ha affermato il Sindaco: “Per effettuare il collaudo il Comune di Pedace, anticiperà in quanto stazione appaltante , 35.000 euro, poi trattenuti una volta completata l’opera. A questi 35.000 euro si sommeranno ulteriori 35.000 euro anticipati dalla Regione, al fine di consentire il collaudo. Per un totale, di 70.000 euro”. Dalla riunione si è appreso che i Commissari preposti e la Procura della Repubblica hanno dato il loro consenso per l’attuazione delle misure sopra descritte. Un percorso, ricorda il Sindaco in cui si sta pensando, di coinvolgere, il personale ARSAC. In questo senso l’Ing. Stefano Aiello dell’ARSAC, ha espresso la massima disponibilità per la cosa. In base al percorso sopra descritto si è concordato che:

    ·         Sarà effettuata una valutazione sulla misura che coinvolge il Comune e la Regione per i 70.000 euro da elargire;

    ·         Si procederà all’assunzione da parte di Lorica Ski Area, nelle figure del dott. Gentile e del dott. Lupo, di quattro dipendenti scelti tra i ragazzi già abilitati che precedentemente avevano prestato servizio per la suddetta ditta;

    ·         Si procederà inoltre alla stipula di un contratto con un Direttore d’esercizio e di due capi servizio in convenzione con l’ARSAC.

    Per quanto riguarda poi le richieste già effettuate all’ente Ustiff di Roma e Bari per procedere al collaudo, sarà inviata un’ulteriore richiesta d’intervento da parte della ditta Bartholet che ha già ricevuto tutta la quota pubblica legata al finanziamento ma, che, non ha ricevuto neanche un soldo dalla quota privata. A tal proposito il Comune e i Commissari stanno cercando in tutti i  modi di ottenere un buon riscontro da parte della Bartholet nonostante le difficoltà presentatesi. Ulteriore passo sarà:

    ·         La stipula di un’eventuale convenzione con l’ARSAC, per l’assunzione di un impiantista, un gattista e un meccanico gattista;

    ·         La stipula di una polizza assicurativa rischi, con una spesa preventivata di circa 8.106 euro che coprirà soltanto gli interventi di collaudo;

    ·         Il completamento dei lavori di segnaletica e dei collegamenti elettrici da parte della ditta preposta;

    ·         La presenza degli addetti alla sicurezza sul lavoro, nelle figure dell’Ing. Tocci come responsabile di cantiere e dell’Ing. Tucci come responsabile della sicurezza e  si procederà alla liquidazione delle 35.000 euro da parte della Regione in deroga delle convenzioni sottoscritte.

    Questi i punti programmatici presentati durante la riunione, qui si aggiunge un incontro avvenuto nella mattinata da parte dell’Arch. Mele a Cosenza, per stipulare la convenzione tra la Regione, la stazione appaltante e i Commissari, al fine di poter portare avanti il programma sopra descritto. Il Sindaco Oliverio ha infine ringraziato il Presidente della Regione, i Commissari e i vari esponenti che stanno portando avanti la questione degli impianti a Lorica con professionalità e caparbietà. Nel corso della riunione non sono mancate alcune polemiche da parte della popolazione di Lorica, ormai stanca dei lunghi tempi d’attesa e dei cinque inverni affrontati senza un impianto funzionante. La discussione è stata libera, aperta a tutti e si è provveduto a dare i dovuti chiarimenti. Una storia infinita, insomma, quella di Lorica. Troppe pagine scritte, troppo tempo perso, troppi ostacoli da affrontare. In molti stanno apprezzando il lavoro e l’impegno che le amministrazioni stanno mettendo nella vicenda di Lorica Ski Area. Quello che si chiede, però, adesso, che chiedono tutti, sono massima chiarezza e trasparenza, il tempo delle false certezze è finito, quel che conterà da oggi in poi saranno i fatti, belli o brutti che siano.

    Noemi Guzzo

    Più informazioni su