Quantcast

Ambiente: accordo tra Arpacal e stazione speleologica Calabria

Previsto il posizionamento degli esposimetri per la misurazione di gas randon nelle grotte

Più informazioni su


    Entra nella fase operativa, dopo l’opportuno training in aula e sul campo, l’accordo tra l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria (Arpacal) ed il servizio regionale del soccorso alpino e speleologico della Calabria (Sasc) che prevede il posizionamento degli esposimetri per la misurazione della presenza di gas radon nelle grotte calabresi. Sono circa quattrocento, infatti, le cavità censite dal catasto Grotte della Calabria: alcune hanno uno sviluppo di poche decine di metri, mentre altre di diversi chilometri.

    Queste cavità naturali, dall’incommensurabile valore naturalistico-ambientale, rappresentano dal punto di vista scientifico un “laboratorio naturale” ideale per studiare alcune dinamiche che interessano la propagazione e l’accumulo del radon, gas nobile radioattivo di origine naturale.

    I prodotti del decadimento di questo gas, detti tecnicamente “figli del radon”, possono legarsi alle pareti, ai pavimenti, alle persone o alle particelle nell’aria ed essere inalate, aumentando conseguentemente il rischio dell’insorgenza di neoplasie polmonari. Dall’esigenza scientifica di Arpacal, e dalla necessità di salvaguardare anche la salute di chi opera a quelle profondità sotterranee, che è nato l’accordo tra Arpacal ed il soccorso speleologico del servizio regionale calabrese per sviluppare insieme una ricerca sperimentale che studi le condizioni in cui si potrebbero accumulare sacche importanti di gas radon nel sottosuolo.

    Così, nei giorni scorsi, per far il punto della situazione sull’accordo in corso, a due mesi dall’avvio dei primi posizionamenti degli esposimetri, una delegazione del soccorso speleologico del servizio regionale calabrese ha incontrato i vertici dell’Arpacal per fare il punto della situazione e attivarsi al più presto.

    Più informazioni su