Quantcast

Unical, elezioni studentesche: le precisazioni di Crisci

Il rettore fissa il voto per i prossimi 14 e 15 maggio in concomitanza con il rinnovo del Cnsu e specifica: “Lo avevo già comunicato al Consiglio”

Più informazioni su


    “Cari docenti, Personale Tecnico-Amministrativo e studenti, comunico alla Comunità Accademica che le votazioni per il rinnovo della Componente Studentesca negli Organi dell’Ateneo saranno fissate, in concomitanza di quelle per il rinnovo del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU), per i prossimi 14 e 15 maggio 2019. Appare opportuno precisare che l’orientamento di prevedere una unica sessione di voto, al fine di garantire una maggiore economicità ma anche la più ampia partecipazione al voto, era maturato da tempo e, informalmente, già noto a diversi membri autorevoli del Consiglio degli Studenti”. Lo scrive il rettore dell’Università della Calabria, Gino Mirocle Crisci, sulla indizione delle elezioni studentesche, replicando alle polemiche dei giorni scorsi mosse da una parte del Consiglio degli Studenti. “Riguardo alle tempistiche per l’avvio delle procedure, si precisa che il MIUR solo in data 31 gennaio 2019 ha comunicato il calendario del voto per il CNSU. Il giorno successivo (1 febbraio) ho inviato al Consiglio degli Studenti la richiesta del prescritto parere (ai sensi dell’art. 2 del Regolamento delle elezioni studentesche). Nel medesimo parere chiedevo al CdS di esprimersi anche in relazione a una data alternativa dal momento che alcuni rappresentanti mi consigliavano di valutare anche altre date, vista la prossimità delle elezioni rettorali. Avendo assunto l’impegno di attenermi alla volontà espressa dagli studenti, ho inteso lasciare loro ampia possibilità di scelta intendendo la proposta del CdS vincolante. Alla luce delle precedenti considerazioni appare incomprensibile e, per qualche verso, sconcertante l’attacco subito dal Sottoscritto da parte di una componente del Consiglio degli Studenti vista la politica sviluppata durante tutto il mandato elettorale, finalizzata a mettere al centro (come dovrebbe sempre essere) gli interessi della fondamentale componente studentesca. Esempi di una costante attenzione verso gli studenti sono facilmente evidenziabili: l’estensione della no-tax area, la rivitalizzazione del Campus con l’apertura delle nuove residenze di San Gennaro e Chiodo 2, il grande progetto di ammodernamento delle aule che sta per partire, la politica di apertura al territorio per consentire maggiori opportunità di interazione con le pubbliche amministrazioni e soprattutto con il mondo produttivo e industriale, la copertura delle borse di studio per la prima volta che è stata del 100% con le 6.000 borse di quest’anno, contro le circa 2000 di alcuni anni fa – eliminando così la figura inaccettabile dell’idoneo non beneficiario. Certamente tutto è migliorabile ma una informazione sbagliata e di parte lede l’interesse dell’Ateneo non solo l’immagine del Rettore. Nasce il sospetto che una parte della rappresentanza studentesca anteponga all’interesse generale degli studenti altri fini, meno coerenti rispetto al ruolo di servizio e rappresentanza cui sono stati chiamati. Invio questa nota a tutti voi, nella mia vicinanza costante a quanti ogni giorno si prodigano, con passione e impegno, per fare del nostro Ateneo quella straordinaria realtà che ci rende orgogliosi, come membri della Comunità di Arcavacata e come Calabresi”.

    Più informazioni su