Quantcast

Rende, ulteriori potenziamenti per il sistema idrico

Installato anello di congiunzione dal Parco Acquatico fino alla zona industriale

Più informazioni su

     

    Continuano gli interventi di potenziamento della rete idrica tesi a garantire un servizio eccellente per tutto il territorio rendese e, soprattutto, nelle contrade di Santa Rosa e Santa Chiara. Quest’ultime, da sempre soggette a carenza idrica, sono oggetto di importanti lavori. L’opera di ottimizzazione, dopo il rinvigorimento della condotta adiacente alla Caserma dei Carabinieri di Commenda, esattamente in via Repaci e via Alfieri, tocca a quella che attraversa il Parco Acquatico e si spinge fino al polo industriale della città, nell’area sottostante al cavalcavia. È stata installata una nuova tubatura del diametro 110cm. “Un vero e proprio anello di congiunzione in grado di fornire maggiore supporto a tutto il sistema idrico locale”, spiega Alessandro Tenuta, presidente di Acque Potabili e SII (acronimo di Servizi Idrici Integrati). Il materiale utilizzato, e già ampiamente sperimentato in altre messe a nuovo, è il polietilene, dalle ottime prestazioni idrauliche, poiché conferisce alla condotta un’elevata resistenza alla corrosione e alle basse temperature. “La realizzazione di nuove adduttrici idriche, la manutenzione e la sostituzione di vecchie tubature limitate da incrostazioni interne – aggiunge Tenuta – hanno consentito di migliorare in maniera esponenziale il servizio offerto ai cittadini, monitorato da un sistema ultramoderno”. Plauso alla società anche dal Comune di Rende e dal sindaco Marcello Manna: “Gestione del servizio encomiabile. Nuove tecnologie, pronto intervento e soluzioni concrete stanno caratterizzando l’operato di Acque Potabili”, specifica il primo cittadino.

    Francesco Ciacco

     

    Più informazioni su