Quantcast

Ambulatorio di ortopedia: Ma non doveva riaprire il 10 aprile?

E, invece, è ancora chiuso, e questo sta provocando notevoli disagi ai numerosi utenti del territorio

Più informazioni su


    La notizia, molto positiva per tutto il comprensorio, relativa all’inaugurazione della nuova risonanza magnetica presso il reparto di diagnostica dell’ospedale di Cetraro, avvenuta, come è noto, sabato scorso, alla presenza, tra gli altri, del presidente della Giunta regionale della Calabria, Mario Oliverio, del direttore generale dell’Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, del direttore sanitario dello spoke Cetraro-Paola, Vincenzo Cesareo, del consigliere regionale Giuseppe Aieta, del sindaco di Cetraro, Angelo Aita, e di don Ennio Stamile, referente regionale di Libera, non è, comunque, riuscita a far “dimenticare” ai cittadini dello stesso comprensorio la mancata, e più volte promessa, riapertura del locale ambulatorio di ortopedia. Come si ricorderà, infatti, la struttura ambulatoriale cetrarese era stata improvvisamente chiusa lo scorso 12 febbraio, sostanzialmente per mancanza di personale presso il reparto di ortopedia dell’ospedale di Paola, ma la direzione sanitaria dello spoke Cetraro-Paola, nei giorni immediatamente successivi a tale circostanza, aveva reso noto che i servizi erogati dalla stessa struttura erano stati semplicemente sospesi per un tempo massimo di due mesi, prevedendo, pertanto, la sua riapertura entro il 10 aprile! La data prevista per la ripresa dei servizi ambulatoriali a Cetraro è, dunque, abbondantemente trascorsa, mentre gli utenti, i pazienti e i cittadini tutti si chiedono il perché di tutto ciò. Da sottolineare, infatti, che l’ambulatorio di ortopedia era rimasto l’unico presidio ortopedico nell’ospedale di Cetraro, dopo il trasferimento, negli anni scorsi, del reparto di ortopedia nell’ospedale di Paola. La sua mancata riapertura, pertanto, rappresenta l’ennesimo fatto grave per i tanti pazienti dell’Alto e Medio Tirreno cosentino che quotidianamente facevano, appunto, riferimento alla struttura ambulatoriale cetrarese. La circostanza sta, infatti, provocando notevoli disagi ai numerosi utenti del territorio, che ora, alla luce della situazione e se il provvedimento non sarà revocato, dovranno attendere altri mesi per vedere soddisfatte le loro richieste. A tal proposito, ribadiamo le precisazioni che, come già ricordato, all’indomani della improvvisa chiusura della struttura, erano arrivate dalla direzione sanitaria dello spoke Cetraro-Paola. La stessa direzione sanitaria aveva, infatti, ritenuto opportuno rendere noto che i servizi erogati dall’ambulatorio ortopedico cetrarese erano stati sospesi, per un tempo massimo di due mesi, perché si era ritenuto di dover dare priorità ai pazienti in lista per interventi chirurgici o traumatologici, rispetto a quelli che, invece, necessitavano di prestazioni ambulatoriali, in attesa che arrivassero presso il reparto di ortopedia di Paola i nuovi medici ortopedici. Pertanto, da parte della direzione sanitaria si sottolineava che l’attività dell’ambulatorio ortopedico dell’ospedale di Cetraro non era stata in alcun modo chiusa, ma solo momentaneamente sospesa, fino a quando, appunto, l’azienda non avesse reperito i medici ortopedici necessari a Paola. La direzione sanitaria dello spoke Cetraro-Paola aveva, inoltre, confermato il fatto che il provvedimento di sospensione momentanea era stato preso dal dottor Candela, primario del reparto di ortopedia dell’ospedale di Paola, in accordo con la stessa direzione sanitaria, nonché con la direzione strategica aziendale. “Certamente l’ambulatorio di Cetraro riaprirà – era stato, infine, messo in evidenza – visto che sono già state avviate le pratiche per arruolare i nuovi medici ortopedici. Per cui, al massimo entro il 10 aprile, riprenderanno le attività ambulatoriali della struttura”. Ad oggi, 25 aprile, invece, non è ancora avvenuto nulla di tutto ciò.

    Clelia Rovale

    Più informazioni su