Quantcast

Strada Sila-Mare. Oliverio ‘Spero che la realizzazione diventi occasione di lavoro per le maestranze locali’

Ieri la firma per la strada di collegamento Mirto Crosia-Longobucco  

Più informazioni su


    Il Presidente della Regione, Mario Oliverio e i sindaci dei Comuni di Longobucco e Cropalati, Luigi Stasi e Luigi Lettieri, nel pomeriggio di ieri hanno sottoscritto, presso la sala Cconsiliare del Comune di Longobucco, l’Accordo di Programma per la realizzazione del collegamento del secondo stralcio del IV° lotto della strada Mirto Crosia-Longobucco, più comunemente conosciuta come strada Sila-Mare.

    Il completamento di questo ulteriore stralcio di lotto collegherà lo Jonio alla Sila in 30 minuti e consentirà di raggiungere Longobucco dalla SS 106 in poco più di 15 minuti, favorendo, così, i flussi turistici, dal mare verso l’altopiano e i paesi dell’entroterra.

    Ieri le parti firmatarie dell’Accordo di Programma hanno assunto le determinazioni e gli impegni rivolti ad assicurare, per le fasi procedurali successive, la realizzazione dell’intervento. La Regione Calabria, in qualità di Soggetto Attuatore provvederà a realizzare l’intervento e a garantirne l’integrale copertura finanziaria, anche attraverso il coordinamento delle parti interessate dal presente Accordo. In particolare, le Amministrazioni comunali interessate dall’iniziativa, si impegnano a rendere disponibili i propri Uffici Tecnici per le attività connesse alla realizzazione dell’intervento, fermo restando la competenza della Regione Calabria per l’approvazione dei relativi atti. Sulla gestione dell’infrastruttura è in corso una interlocuzione tra la Regione e l’Anas per l’affidamento successivo della stessa e viene rimandata ad atti successivi di competenza regionale.

    Ecco la dichiarzione, di oggi, del governatore Oliverio in merito all’accardo firmato a Longobucco: 

    “La firma dell’Accordo di Programma tra la Regione e i Comuni di Longobucco e Cropalati è un fatto molto importante”. Lo ha detto il Presidente della Regione, Mario Oliverio, all’indomani della sottoscrizione ufficiale dell’atto che avvia l’opera alla sua definitiva realizzazione. “E’ un atto  –ha aggiunto Oliverio- che consente di collegare la costa all’entroterra e all’altopiano silano in poco tempo: si accorciano le distanze fisiche, aumentano le opportunità per lo sviluppo e per il rilancio strategico e complessivo di un’intera area che, attraverso questo prezioso canale di comunicazione, diventerà tra le più competitive, non solo turisticamente, della regione. Esso è il frutto di un impegno costante e appassionato da parte dei sindaci e degli amministratori di un comprensorio in cui cresce e si afferma una nuova cultura, che è quella dell’abbandono della logica dei campanili e dei particolarismi. Finalmente si è compreso che, solo mettendosi insieme, si possono affrontare e risolvere problemi che, se affrontati da soli, diventano insormontabili. Il tempo è prezioso e non possiamo perderlo inutilmente”.

    “All’impresa aggiudicatrice dei lavori – ha concluso  Oliverio – ho chiesto che l’opera sia realizzata nei tempi previsti e, soprattutto, nel massimo rispetto della legalità e della trasparenza, con la piena consapevolezza che c’è un ente appaltante, che è la Regione, che su questo versante è pronta, in ogni momento, a contrastare qualsiasi azione tendente a calpestare questi principi. In tal senso ho avuto assicurazioni che entro il 7 maggio sarà organizzato il cantiere ed entro la fine del mese di maggio, principi di giugno al massimo, saranno avviati i lavori per la realizzazione del lotto. Il mio augurio è che questa opera possa diventare anche un’occasione ed un’opportunità di lavoro per le nostre maestranze e per la manodopera locale”.

    Più informazioni su