Quantcast

Cosenza diventa magica nella seconda edizione del “Ballo del Ceppo”

Novità e sorprese per aspiranti maghi e nati babbani. La manifestazione è organizzata dalla Master of Comics

Più informazioni su


    “Una serata di ben educate frivolezze”.Così la professoressa McGranitt, la materna ma inflessibile vicepreside della celebre saga di Harry Potter, descriveva l’evento che avrebbe raccolto, all’interno della sala grande della scuola di magia di Hogwarts, giovani maghi e streghe nella vigilia di Natale; deposte per un giorno bacchette e formule magiche, l’intrattenimento e la danza sarebbero stati la vera magia. E magia sarà quella della seconda edizione del “Ballo del Ceppo” organizzato a Cosenza dalla Master of Comics, nella sera del 21 dicembre. Uno spettacolo che ruota intorno ad una gara di ballo, immersi in un’atmosfera che trasformerà Cosenza nel castello più famoso del mondo. Per una notte, sembrerà di aver ricevuto quella lettera, di essere saliti sull’Espresso rosso e di aver attraversato il grande Lago Nero. Tutte immagini che i fan di J.K. Rowling conoscono bene, mentre per i “nati babbani” sarà un’occasione per conoscere un mondo di fantasia e divertimento. Ne abbiamo parlato con Luciano Gisberti, presidente della Master of Comics, l’ente no profit organizzatore dell’evento, che ci ha svelato qualche sorpresa e raccontato un po’ di più del lavoro svolto all’interno di questa giovane associazione, così ricca di progetti.

    È la seconda edizione del Ballo del Ceppo con una location suggestiva: via Liceo, nel centro storico di Cosenza. Come si svolge e quali novità rispetto all’anno scorso?

    “Nel secondo Ballo del Ceppo sarà confermato molto di quanto presente l’anno scorso, con novità che riguardano per lo più l’interazione del pubblico. La sede sarà sempre quella del Museo del Fumetto e verrà mantenuta l’idea di base del Ballo a tema; parteciperanno le due scuole di ballo “Azzurra School Ballet” e “Il Nuovo Centro Danza”, che porteranno la loro professionalità ed entusiasmo attraverso coreografie ispirate a Beauxbatons e Durmastrang, le due scuole concorrenti ad Hogwarts nel Torne Tre maghi di “Harry Potter e il Calice di fuoco”, che i fedeli della saga sicuramente conosceranno. E poi sarà gara di ballo, aperta a tutti. Inoltre, Azzurra Gardi e Raffaella Runco, titolari e insegnanti delle due scuole, comporranno la giuria, insieme ad Oreste Alitto e Valeria Belozerova, i ballerini professionisti di “Ballando con le stelle”. Sebbene composta da questa rosa di eccellenze, la giuria non valuterà i partecipanti al Ballo da un punto di vista tecnico, bensì in base all’ entusiasmo, il feeling e il coinvolgimento che ogni coppia riuscirà a trasmettere. Qualità che sono alla portata di chiunque decida di partecipare. Abbiamo curato molto le scenografie ispirate a quelle descritte nei libri della Rowling, ma che non sveleremo per non rovinare la sorpresa….”

    Ci saranno lo smistamento nelle quattro Casate e la Burrobirra. Quale sinergia serve per realizzare tutto questo.

    “Quella dello smistamento è stata un’idea nata l’anno scorso durante l’ingresso dei primi partecipanti, dalla passione di una nostra associata, Valeria Ciniglia, che realizzò il primo modello del Cappello Parlante e dalla disponibilità del nostro Segretario Luigi Conte nel dargli la voce che avrebbe smistato tutti i presenti. Per questa edizione abbiamo dedicato maggior tempo a questo momento, migliorando alcuni dettagli e introducendo la possibilità di far parte non solo di Hogwarts ma anche delle scuole di Magia di Mahoutokoro in Giappone e di Uagadou, in Africa, secondo i racconti della Rowling .La burrobirra, invece, sarà messa a disposizione dalla gelateria Poppi e sarà una produzione artigianale. La sinergia è fondamentale per la realizzazione di eventi del genere, così dettagliati e fedeli all’originale cui si ispirano. Partnership e collaborazioni sono necessarie sia a livello materiale, di costruzione, ma soprattutto nell’entusiasmo. Sono progetti che devono piacere, nei quali credere e, perché no, divertirsi.”

    La Masters of Comics è un concentrato di idee ed appuntamenti che si sviluppano durante tutto l’anno. Come si dirige un’associazione no profit con obiettivi così interessanti, sia culturalmente che socialmente?

    “L’interesse principale per noi è il volontariato, tuttavia eventi di questa portata possono permette a Masters of Comics di farsi conoscere nel territorio e facilitano le interazioni con enti che diversamente non avrebbero grosse informazioni su chi siamo e su come intendiamo operare in questo settore. Dare spazio alle idee di vecchi e nuovi associati, coordinarli o metterli anche d’accordo su come, dove e quando applicarle, mostrar loro le varie fasi che permettono la riuscita di un singolo evento come anche l’ideazione e realizzazione di vari progetti che stiamo sviluppando, non è sempre qualcosa di facile. Anzi. Ma poter auto-sostenere un’associazione che da tali situazioni ed idee riesce a produrre attrezzature utili alle attività che vanno svolte durante l’anno, vedere l’entusiasmo di ragazzi davvero giovani che si cimentano in questa esperienza e che un po’ per volta si lasciano coinvolgere nel volontariato, accrescendo così il desiderio di donare un momento di gioia anche a chi vive situazioni di disagio, ritengo che ne valga la pena e che nel lungo periodo possa essere una strada maestra anche per altre associazioni. Per tali motivi ritengo che nonostante le difficoltà continue valga la pena proseguire anche se il tempo, tra lavoro e vita personale si riduce sensibilmente”.

    Il 21 dicembre, quindi, indossate il vostro mantello migliore e preparatevi a vivere un magico ballo nel cuore del centro storico di Cosenza, tra le luci del Natale e la felicità nei cuori. Questa è pura magia.

    Federica Celibe

    Più informazioni su