Quantcast

Sonorità jazz, bossa nova e latin: elogio della diversità con la musica di Open Sound Group

Una esibizione di altissimo livello ha incantato ieri sera il borgo antico di Rende

Più informazioni su


    Quando degli ottimi strumentisti si incontrano e suonano con la gioia di farlo, potete star sicuri che il concerto che ne scaturirà sarà un concerto intenso, piacevole e non scevro da emozioni. Ed è proprio così che ieri sera gli Open Sound Group nel borgo antico di Rende hanno coniugato lo jazz standard, la bossa nova e il latin jazz attraverso dei brani intramontabili. Il gruppo composto da Pierluigi Abate alla chitarra, Oscar Serafini alla batteria, Emanuele Orrico alla tastiera, Francesco Romeo al sax e la splendida voce di Noemi Guido ha dato vita a circa due ore di musica interessante e piacevole, mostrando un affiatamento perfetto e un’espressività cristallina. I brani eseguiti spaziano da ‘Blue moon’ alla “bossa novissima” ‘Besame mucho’, come sempre un brano capace di suscitare emozioni forti e sensazioni appartenenti ad un altro pianeta, passando per ‘Chega de saudade’ e concludendo il viaggio con l’emblematica ‘Tres Palabras’. Può sembrare facile interpretare dei brani così conosciuti, ma in realtà è qui che si vede il grande valore degli artisti. Essere in grado di non cadere nel banale, nello scontato, che poi è proprio il principale l’obiettivo di un artista e bisogna ammettere che, in questo caso, ci sono riusciti appieno

    Foto di Raffaele Morrone

     

     

    Più informazioni su