Quantcast

Contro la Sla anche i ‘Gruppi d’aiuto’

“L’apporto psicologico è importante per combattere il rapido progredire della malattia”, dice la coordinatrice dei gruppi nel Cosentino, la dottoressa Alessandra Aggazio (nella foto)

Più informazioni su


    “La malattia si combatte anche con il giusto apporto psicologico. Per questo Aisla ha creato i ‘Gruppi d’aiuto’, uno strumento utile per malati e per chi vive intorno a loro”. La dottoressa Alessandra Aggazio, psicologa e componente del Gruppo italiano psicologi della Sla, la Sclerosi laterale amiotrofica, non ha alcun dubbio circa la valenza dei ‘Gruppi d’aiuto’, ed è responsabile e coordinatrice del gruppo cosentino. “Pensi – dice Aggazio – ai gruppi di auto mutuo aiuto, quelli che nascono nell’ambito delle dipendenze. Ecco, noi abbiamo preso spunto da lì, ma i nostri hanno delle peculiarità. Noi abbiamo pensato a gruppi aperti che vengono condivisi dai malati ma anche dai loro famigliari, o, comunque, da chi si prende cura di loro (caregiver, ndr)”. Quanto è importante il ‘Gruppo d’aiuto’? “La dimensione psicologica di una malattia come la Sla – continua la dottoressa Aggazio – viene considerata troppo spesso in secondo piano rispetto alla patologia. Il paziente con Sla, invece, deve essere preso in carico nella sua globalità, perché gli aspetti e le dinamiche psicologiche influenzano molto il progredire e l’aggravarsi della malattia. È, infatti sbagliato non tener conto anche dei caregiver che vivono di riflesso la sofferenza del loro caro”. Giovedì 9 marzo, alle 16,30, il gruppo di riunirà in via San Martino, a Cosenza.

    Più informazioni su