Quantcast

Pallavolo C femminile. La Kermes Spezzano vince a Cosenza

Troppo forte la brasiliana Raquel Pereira Dos Anjos per i livelli di una serie C regionale.

Più informazioni su


    VOLLEY COSENZA ASD – AVB Kermes Spezzano Alb.: 0-3 (19-25, 22-25, 19-25)

    Cosenza: Mazzuca (cap., 4), Prezioso (7), De Simone (5), Filippelli (7), Donnici (8), Napoli (4), Gallo (L), Salvo (L2). All.: Marco Crispino

    Kermes: Pereira dos Santos (25), Martino (10), Meringolo (7), Spasova (4), Dukova (cap., 3), Massaro (2), De Marco (L). All.: Mario Pellegrino.

    Arbitri: Gaetano Mazzuca e Luigi Piccione di Cosenza.

    Note: Ace: Cosenza (3), Spezzano (6). Err./Batt.: Cosenza (4), Spezzano (3). Muri: Cosenza (4), Spezzano (2).

    All’andata, a Spezzano Albanese, senza la nuova brasiliana in campo, Pereira Dos Anjos Raquel, era stato una facile vittoria per la Volley Cosenza: 3-0. E nella Kermes già c’erano le bulgare Cheshmedzhieva, Dukova e Spasova. Nella gara di domenica, al palasport di Via Popilia, con l’inserimento nella Kermes della Pereira Dos Anjos, gli equilibri in campo si sono invertiti e così stata la Kermes a portare a casa i tre punti con il medesimo punteggio. Il suo score della partita lo testimonia: 26 punti all’attivo, oltre quaranta palloni recuperati in ricezione, diversi muri a suo favore, guida e “padrona” del suo sestetto. E pensare che non è entrata in campo, perché reduce da un piccolo infortuno, l’altra brasiliana “professionista”, la lunga Sudario Da Cruz Nayara. Con questa vittoria e con le nuove straniere in campo, la Kermes si candida seriamente ad entrare nei play off, se non a vincere il campionato. Ma chi è la brasiliana Raquel Dos Anjos Raquel? Dai dati ufficiali della federazione brasiliana facilmente recuperabili su internet è nata a Unaì – MG – Brasil il 24/02/1988, altezza 1,78, 65 kg, ruolo opposta. Nella sua carriera risulta aver vinto diversi titoli. Ha giocato nei seguenti club: Brasília – São José dos Campos – Apiv/Piracicaba – Fênix/Rio Verde – Petrokimia/Indonésia – Catrofa/Portugal – Kuusamon Pallo-Karhut/Finlândia – Volta Redonda. Tutte squadre di primissima fascia. Come faccia a trovarsi ora a giocare nel campionato dilettantistico regionale di serie C calabrese, non si capisce bene. E la cosa vale anche per l’altra brasiliana non scesa in campo, ma vale anche per tutta la moltitudine di straniere “professioniste” ingaggiate da diverse società di serie C calabresi. Quando si parla di “professioniste” si parla di atlete che hanno militato in campionati maggiori nei loro paesi di origine o altri paesi e che fanno della pallavolo il loro “mestiere” e che dalla mattina alla sera vivono in palestra, un confronto improponibile contro con le atlete locali (siano esse italiane o straniere) che vivono di studio o lavoro e per le quali lo sport è l’attività del tempo libero o della sera, senza forme di remunerazione: fatto di sacrifici, rinunce e di tanta, ma tanta passione per la pallavolo. Sono anni che si discute di questa incongruenza consentita da un regolamento vecchio e senza riguardo per i settori giovanili ed ai costi che si sostengono per insegnare alle nuove generazioni questo sport. E’ un’offesa nei confronti delle ragazze, dei dirigenti che fanno mille sforzi ogni giorno, di tutti i tifosi. Ma la cosa più assurda è che lo stesso regolamento a queste stesse atlete straniere non consente di giocare in serie B, ovvero nei campionati che a loro compete, per cui le squadre promosse le devono lasciare poi alle spalle. Ne consegue che i campionati di serie C sono falsati nei risultati e che le squadre che vengono promosse fanno pessimi campionati di B con veloci retrocessioni. Alle “cosentine” della Volley Cosenza ed ai tecnici un grande applauso anche questa sera perché ce l’hanno messa tutta con volontà, abnegazione e partecipazione. Escono dal campo a testa alta, ma escono a testa alta per tutti gli sforzi che ogni giorno si sobbarcano per tenere alto il nome della Volley Cosenza. E tutta la società e la tifoseria sono grati a queste straordinarie ragazze che regalano tante emozioni. Purtroppo serate come questa contribuiscono ad allontanare gli sportivi dai palazzetti. Di certo c’è che la Volley Cosenza continuerà a tutti i livelli a combattere una battaglia di valori e onestà sportiva per modificare il regolamento sull’utilizzazione di atlete straniere nei campionati di C e D e chiederà a tutte le società che credono in questi principi di fare altrettanto. Non si fa la guerra alla singola società, ma al sistema che consente questa “vergogna”. Verrà, inoltre, richiesta alla Federazione a tutti i livelli una commissione d’inchiesta su questo fenomeno tipico solo di poche regioni del Sud. Qualora la Fipav non darà risposte esaurienti, il presidente della società Rocco Filippelli ha preannunciato azioni eclatanti per portare all’attenzione nazionale questo obbrobrio sportivo e poi il ritiro della squadra dal campionato di serie C per disputare solo i campionati giovanili, oltre a non dare disponibilità di proprie atlete per le selezioni provinciali e regionali.

    (Comunicato della società Volley Cosenza)

    Più informazioni su